GUIDONIA - Abbandona 300 copertoni in strada, “zozzone” a processo

Italiano incastrato dalla fototrappola in via di Tor Mastorta. Il Comune chiede i danni

Per risparmiare sui costi di smaltimento aveva pensato bene di abbandonarli in mezzo alla strada. Ma non aveva fatto i conti con il sistema di video sorveglianza della Polizia Locale di Guidonia Montecelio.

Per questo ora G. L. F., autotrasportatore romano di 56 anni, deve rispondere davanti al Tribunale di Tivoli della montagna di copertoni usati scaricati in uno degli angoli più nascosti della città.

Il prossimo 8 novembre per l’uomo inizia il processo e venerdì scorso 25 agosto la giunta guidata dal sindaco Mauro Lombardo con la delibera numero 83 – CLICCA E LEGGI LA DELIBERA - ha deciso di costituirsi parte civile e richiedere al camionista il risarcimento danni in caso di condanna.

LEGGI ANCHE  GUIDONIA - Una voragine profonda un metro e mezzo sull'asfalto, strada chiusa

Il fatto risale al pomeriggio di mercoledì 21 aprile del 2021 (CLICCA E LEGGI L’ARTICOLO DI TIBURNO).

G. L. F. era alla guida di un tir intestato ad una ditta romana specializzata nella logistica e trasportava un carico di 300 pneumatici usati, quando imboccò via di Tor Mastorta, la strada che collega via di Casal Bianco a via della Selciatella, una zona di campagna isolata, ideale per gli “zozzoni” che da anni inquinano Guidonia Montecelio.

Un automobilista di passaggio in via Tor Mastorta trovò la strada completamente ostruita dai 300 copertoni abbandonati sotto il ponte della Bretella Fiano Romano-San Cesareo, un’area di proprietà di Autostrade per l’Italia Spa.

LEGGI ANCHE  GUIDONIA - Judo, grande successo per il Trofeo nazionale al Palazzetto

Sul posto intervenne immediatamente una pattuglia della Polizia Locale dei Reparti di Polizia giudiziaria e del Servizio Sicurezza Infortunistica Stradale diretti dall’ex maggiore Salvatore Ungaro (oggi in pensione) e coordinati dal Comandante del Corpo Paolo Rossi.

I poliziotti estrapolarono le immagini di una fototrappola installata dall’amministrazione comunale in via di Tor Mastorta e individuarono la targa della motrice risalendo così all’azienda e da questa all’autotrasportatore.

Il 56enne fu così denunciato per abbandono illecito di rifiuti speciali non pericolosi, il tir fu sottoposto a fermo amministrativo, mentre l’area sottostante al ponte della Bretella Autostradale Fiano Romano-San Cesareo in cui erano stati scaricati i copertoni fu sequestrata.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.