TIVOLI – Sversano vernici nel tombino, operai romeni incastrati dai residenti

Gli inquilini di un palazzo girano alcuni video, nei guai un imprenditore edile italiano

Le immagini non lasciavano spazio a dubbi.

Operai ripresi mentre sversano i residui di vernice all’interno di un tombino e di una fioriera ubicati nell’area di cantiere. Andava avanti così chissà da quanto tempo nel cortile di un condominio di via del Barco a Tivoli Terme, dove sono in corso i lavori di rifacimento delle facciate col Superbonus 110%.

L’area di cantiere nel cortile condominiale trasformata in discarica

A interrompere la scia di inquinamento sono stati gli stessi residenti che hanno inchiodato gli autori con video e fotografie. Per questo mercoledì 22 novembre i Carabinieri Forestali della stazione di Guidonia hanno denunciato alla Procura di Tivoli un 39enne imprenditore edile italiano per gestione illecita di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi.

LEGGI ANCHE  GUIDONIA - Rapina al mini market bengalese, arrestato il bandito

Secondo le prime informazioni raccolte dal quotidiano on line della Città del Nordest Tiburno.Tv, il blitz dei militari è scattato a seguito dell’esposto presentato dall’amministratore del condominio allegando video registrati e fotografie scattate da due proprietari di appartamenti del palazzo.

I Forestali hanno identificato 12 operai, 8 dei quali romeni, un bulgaro, un macedone, un moldavo e un serbo nei confronti dei quali non è stato adottato alcun provvedimento. D’altronde, nelle immagini e nei filmati i volti degli autori non sono visibili in maniera nitida e gli operai spesso sono ripresi di spalle.

Agli occhi dei Carabinieri Forestali è inequivocabile che gli operai sversassero residui di vernice contenuti nei secchi sia all’interno di un tombino che all’interno di una fioriera del cortile dello stabile.

LEGGI ANCHE  COLLEFERRO - Ospedale, l'Asl attiva un presidio fisso della Polizia

L’imprenditore 39enne, titolare della ditta subappaltatrice dei lavori, aveva però l’obbligo di vigilare sui propri dipendenti.

L’area di cantiere nel cortile condominiale trasformata in una discarica è stata sequestrata.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.