MARCELLINA – Case popolari, il Comune pubblica il bando per l’assegnazione

Via alla procedura per formare la graduatoria degli aventi diritto

Il Comune di Marcellina intende formare dla graduatoria degli aventi diritto all’assegnazione di una casa popolare.

E’ l’obiettivo del bando generale – CLICCA E LEGGI IL BANDO GENERALE -per l’assegnazione di alloggi di edilizia residenziale pubblica destinata all’assistenza abitativa pubblicato ieri, giovedì 30 novembre.

I requisiti soggettivi per l’accesso all’edilizia residenziale pubblica destinata all’assistenza abitativa sono definiti dalla Legge Regionale 6 agosto 1999, numero 12, e dal Regolamento regionale numero 2 del 20 settembre 2000:

a) Per il solo richiedente:

  • cittadinanza italiana o di uno stato aderente all’Unione europea o di altro stato non aderente all’Unione europea, sempre che, in tale ultimo caso, il cittadino straniero sia titolare di carta di soggiorno o regolarmente soggiornante ed iscritto nelle liste di collocamento od esercitante una regolare attività di lavoro subordinato o di lavoro autonomo;
  • residenza anagrafica od attività lavorativa esclusiva o principale nel comune od in uno dei comuni compresi nell’ambito territoriale cui si riferisce il bando di concorso, salvo che si tratti di lavoratori destinati a prestare servizio presso nuovi insediamenti produttivi compresi nel suddetto ambito o di lavoratori emigrati all’estero, per i quali ultimi è ammessa la partecipazione per un solo comune.
LEGGI ANCHE  TIVOLI - Rudere pericolante, chiusa via Colle Nocello

b) Per il richiedente e per ciascuno dei componenti del suo nucleo familiare

  • mancanza di titolarità di diritti di proprietà, usufrutto, uso ed abitazione su alloggio adeguato alle esigenze del nucleo familiare nell’ambito territoriale del bando di concorso e nel comune di residenza, qualora diverso da quello in cui si svolge l’attività lavorativa e, comunque, nell’ambito del territorio nazionale, su beni patrimoniali di valore complessivo superiore al limite definito nel regolamento di cui all’articolo 17, comma 1;
  • assenza di precedente assegnazione in locazione ovvero in proprietà originaria o derivata, immediata o futura di alloggio realizzato con contributi pubblici e assenza di finanziamento agevolato in qualunque forma concesso dallo Stato o da enti pubblici, sempre che l’alloggio non sia utilizzabile o sia perito senza dar luogo al risarcimento del danno o sia stato espropriato per pubblica utilità;
  • non aver ceduto in tutto o in parte, fuori dei casi previsti dalla legge, l’alloggio eventualmente assegnato in precedenza in locazione semplice oppure non aver occupato senza titolo un alloggio di edilizia residenziale pubblica destinato all’assistenza abitativa, fatto salvo quanto stabilito dall’articolo 15, comma 4.
LEGGI ANCHE  TIVOLI - “Moda Autunno 2024-Per Un Capello 2", alle Scuderie va in scena la Fiera della Bellezza

c) Per l’intero nucleo familiare

  • reddito annuo complessivo del nucleo familiare non superiore al limite per l’accesso all’edilizia residenziale pubblica destinata all’assistenza abitativa stabilito dalla Regione e vigente al momento della pubblicazione del Bando di concorso.
  • Assenza di attuale occupazione senza titolo di alloggi di edilizia residenziale pubblica, senza le autorizzazioni delle vigenti disposizioni, nonché occupazioni non autorizzate secondo quanto disposto dalla normativa in materia, nei cinque anni precedenti la presentazione della domanda.
  • Assenza di dichiarazioni di annullamento dell’assegnazione o di dichiarazioni di decadenza dall’assegnazione di un alloggio di Erp secondo quanto previsto dall’articolo 14, comma 2, lettera a) del Regolamento regionale del 20 settembre 2000 numero 2.
Scarica la domanda
Allegato Domanda.pdf
Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.