PALESTRINA – Ospedale, più personale nei reparti e sala operatoria aggiuntiva

Dopo la chiusura di Tivoli, la Regione potenzia il nosocomio "Coniugi Bernardini". L'intervento della consigliera Marika Rotondi

La Regione Lazio reagisce con tempestività ed efficacia alla chiusura forzata dell’Ospedale di Tivoli che secondo una prima previsione potrebbe riaprire completamente soltanto tra sei mesi.

Così da stamane, venerdì 15 dicembre, sono potenziati il Pronto Soccorso ed altri reparti del nosocomio “Coniugi Bernardini di Palestrina” con un significativo incremento dell’organico e con la attivazione della sala operatoria aggiuntiva.

Marika Rotondi, consigliera regionale di Fratelli d’Italia

“Al personale già in servizio – spiega in un comunicato Marika Rotondi, consigliera regionale del Lazio di Fratelli d’Italia – si aggiungono le seguenti unità : 2 cardiologi  1 internista, 6 anestesisti, 7 per i laboratori di analisi, 15 in ostetricia, 12 in ortopedia, 6 al pronto soccorso.

Una operazione che ha duplice valenza organizzativa. In primo luogo si garantisce la piena funzionalità di un presidio sanitario nel territorio, per compensare la temporanea mancanza dell’ospedale di Tivoli e nel contempo, si rafforzano i servizi di soccorso, cura e prevenzione di prossimità, contribuendo a decongestionare i Pronto Soccorso della Capitale. Anche nei reparti il Coniugi Bernardini registra un incremento di personale di 115 unità e l’attivazione sulle 24 ore del reparto Ginecologia.

Un significativo intervento della Giunta Rocca e della Asl Roma 5 segna la ritrovata centralità del nosocomio di Palestrina ed il raggiungimento di un primo obiettivo, che dà grande soddisfazione a tutti coloro che con me, sollecitavano e lavoravano da tempo per il rilancio di questo punto di riferimento della Sanità pubblica in questa area della Provincia di Roma”.

Condividi l'articolo:
LEGGI ANCHE  SUBIACO - Cinema, a Milena Vukotic il Premio intitolato alla "Lollo"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.