Anticoli Corrado, l’Epifania è all’insegna della pizza summa

In piazza la Sagra della pizza summa ma anche tante altre opportunità nel "Paese degli artisti"

Un’occasione da non perdere per trascorrere la giornata dell’Epifania in una cornice stimolante e originale. Ad Anticoli Corrado, a pochi km dall’uscita Vicovaro-Mandela dell’A24, è in programma per sabato 6 gennaio la Sagra della pizza summa con le erbe, una pietanza antica e povera che racchiude la tradizione culturale del borgo.

Nel menu anche arrosticini e vin brulè. E dopo aver saziato la fame sarà tempo di divertirsi con la musica e la tombolata in piazza. L’appuntamento è in Piazza delle Ville.

La piazza è caratterizzata dalla presenza al centro della grande fontana che rappresenta l’Arca di Noè con animali mitologici e realizzata nel 1926 dallo scultore Arturo Martini che visse ad Anticoli Corrado tra il 1924 e il 1927. Sulla piazza si affaccia anche la Chiesa di San Pietro, la più antica della città.

LEGGI ANCHE  CASTEL MADAMA - Demolita la vecchia scuola, arriva il nuovo plesso da 6 milioni e mezzo di euro

Anticoli Corrado – noto anche come il borgo degli artisti e delle modelle – merita di essere visitato.

La fama artistica di Anticoli nasce ai primi dell’Ottocento, quando non pochi artisti in visita a Roma e Tivoli per il Grand Tour si imbatterono in questo paese apprezzandone gli scorci paesaggistici e architettonici poi raffigurati nelle loro opere. Il prestigio di Anticoli rimase intatto anche nel primo Novecento, tanto che esso era conosciuto nei dintorni di Roma come il “Paese degli Artisti”.

In quel periodo vi soggiornarono tra gli altri il grande Pablo Picasso, il francese Marcel Duchamp e appunto Arturo Martini. La presenza costante di artisti connessa alla mole di opere da essi realizzate in loco spinse due di essi, Riccardo Assanti e Pietro Gaudenzi, a promuovere la creazione di una Galleria di Arte Moderna poi inaugurata nel 1935 alla presenza dell’allora Ministro fascista dell’Educazione Nazionale, Giuseppe Bottai.

LEGGI ANCHE  Abbandona la figlia sul Gra per un 5 in Latino, madre denunciata

Il museo è tuttora sito nel Palazzetto Brancaccio, in via Maioli 2. Per chi volesse visitarlo, nel fine settimana la struttura è aperta dalle 10 alle 18. Sono circa 700 le opere pittoriche e scultoree di importanti artisti italiani e stranieri otto-novecenteschi presenti sui due piani sui quali è distribuita la ricca esposizione.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.