CASTEL MADAMA – Vandali in azione, sassi contro le ambulanze

Assalto notturno alla sede della Croce Rossa e della Protezione Civile

Sassi lanciati di notte contro i mezzi di soccorso della Croce Rossa e della Protezione civile. E’ l’ultimo “passatempo” di ignoti ragazzini a Castel Madama.

A rendere pubblico il fatto ieri, domenica 21 gennaio, è stata l’amministrazione comunale guidata dal sindaco Michele Nonni con un post sulla pagina Facebook istituzionale del Comune.

Uno dei tre mezzi danneggiati dal lancio di sassi

Secondo le prime informazioni raccolte dal quotidiano on line della Città del Nordest Tiburno.Tv, l’atto vandalico è stato messo a segno nella notte tra mercoledì 27 e giovedì 28 dicembre 2023 nella sede della Croce Rossa Italiana e della Protezione Civile in via XXV Aprile, nel Centro urbano di Castel Madama.

LEGGI ANCHE  "Arte in cammino": al via il Festival di teatro, danza e musica

Dall’esterno dell’area perimetrata con una recinzione, ignoti hanno lanciato sassi contro lo stabile che ospita le due associazioni, provocando danni non solo ai tre mezzi in uso alle due associazioni ma anche alla stessa struttura.

L’amara scoperta è avvenuta giovedì mattina 28 dicembre da parte dei volontari della Croce Rossa Italiana e della Protezione Civile che hanno immediatamente segnalato il caso al Comune. Sul posto è intervenuto il vice sindaco e assessore Sport, Cultura e Patrimonio Stefano Scardala che ha presentato regolare denuncia alle forze dell’ordine.

“A nome mio e di tutta l’Amministrazione comunale – sono le parole del Sindaco Michele Nonni – esprimo una ferma condanna verso questo tipo di azioni, rese ancor gravi perché vanno a colpire la sede di associazioni che offrono volontariamente il loro impegno per svolgere servizi importantissimi per la nostra comunità.

Non posso che appellarmi a tutti i cittadini, alle famiglie in particolare, perché possano educare i propri figli anche per il tramite dell’esempio di questi volontari.

Ogni danno che si fa al patrimonio comunale è un danno che facciamo a noi stessi”.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.