MONTEROTONDO – Nell’International Jazz Day al Cinema Mancini si celebra Giovanni Tommaso

Durante l’evento, organizzato dalla figlia Vivian, il musicista ripercorrerà i suoi 60 anni di carriera

Giovanni Tommaso, contrabbassista e bassista tra i più celebri e virtuosi in Italia, 83 anni, ha tagliato il traguardo dei 60 anni di carriera. Tra le sue innumerevoli e preziose collaborazioni si segnalano quella con Luis Bacalov nella colonna sonora de “Il postino” e quella con Nicola Piovani, che è stata reciproca. Nel mondo del pop, inoltre, il suo approdo alla RCA (storica casa discografica romana) nel 1967 lo ha portato a collaborare con Mina, Cocciante, Morandi, Gaetano e a suonare il contrabbasso di Questo piccolo grande amore per Baglioni, sostituendo il contrabbassista ufficiale in quell’occasione malato.

Nel 1971 fondò il gruppo Perigeo, che pubblicò ben otto album. Dal 1974 Giovanni Tommaso vive a Mentana. Ed è questo il motivo per cui quest’anno la figlia Vivian ha voluto celebrare suo padre, nell’International Jazz Day, al CineMancini di Monterotondo: “Dopo essermi dedicata per anni ad organizzare l’evento a Roma presso la Casa del Cinema, Tor Vergata, l’Auditorium, Cappella Orsini con partner del calibro di Rai Cinema, Zetema e Villa Borghese, quest’anno ho deciso di promuovere il nostro territorio, dove viviamo ormai da cinquant’anni”.

LEGGI ANCHE  Simone Di Ventura, il CAMBIO A MONTE di cui la città ha bisogno. Chi è l’avvocato, candidato sindaco del centrodestra

L’International Jazz Day si celebra in tutto il mondo il 30 aprile e l’evento dedicato a Giovanni Tommaso fa parte del programma ufficiale che prevede centinaia di altre iniziative a tema jazzistico in tutto il globo. Nel corso dell’incontro verrà presentato il docufilm “Giovanni Tommaso: la coppa del jazz”, realizzato da Vivian Tommaso e candidato ai Nastri d’argento, e il libro autobiografico “Abbiamo tutti un blues da piangere”, in cui Giovanni Tommaso stesso racconta la sua vita dall’esperienza giovanile negli Stati Uniti all’incontro con i mostri sacri del jazz.

Il contenuto del docufilm è tutto raccolto nelle parole dell’amico Enrico Rava: “Il Jazz in Italia si divide in prima di Giovanni Tommaso e con Giovanni Tommaso” oppure in quelle di Pupi Avati, che parla dell’amico come una rara persona di garbo, spessore umano ed enorme talento.

LEGGI ANCHE  MONTEROTONDO - “ProteggiAmo l’Area protetta”, trekking nel bosco di Gattaceca

L’appuntamento, dunque, è al Cinema Mancini per martedì 30 aprile alle ore 20. La serata si proporrà come un grande momento “amarcord”, che vuole essere di grande ispirazione per aspiranti artisti e non solo. Il biglietto d’ingresso avrà un costo di 6€. A seguito delle presentazioni, l’evento si concluderà con dibattito e brindisi finale.

(Federico Laudizi)

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.