TIVOLI - Furto di cavi elettrici dai lampioni, il quartiere resta al buio

Due scorribande notturne, sfondati anche i finestrini delle auto

Scorribande notturne a distanza di 48 ore l’una dall’altra nella zona residenziale “Il Giglio”, la lottizzazione realizzata a metà anni Duemila tra Campolimpido e Colle Nocello, alla periferia del Comune di Tivoli.

Una veduta aerea della zona residenziale “Il Giglio”, la lottizzazione di Campolimpido alla periferia di Tivoli

Il bilancio è mezzo quartiere al buio a causa del furto di cavi elettrici e di alcune vetture danneggiate.

Secondo le prime informazioni raccolte dal quotidiano on line della Città del Nordest Tiburno.Tv, il primo furto è stato messo a segno nella notte tra domenica 5 e lunedì 6 maggio in via Pier Giorgio Gallotti e via delle Gardenie, le due strade principali del quartiere residenziale del quale il Comune di Tivoli per oltre dieci anni non ha mai preso in carico le opere di urbanizzazione, rete idrica ed elettrica e sistema fognario a causa di un contenzioso coi costruttori.

LEGGI ANCHE  GALLICANO - “Cicloclassica Eterna”, 57 chilometri in bici andata e ritorno

Uno dei pozzetti per cavi elettrici aperto dai ladri di rame a Campolimpido

I ladri di rame hanno aperto almeno 4 pozzetti per cavi elettrici, che sono stati prima recisi e poi portati via, lasciando il quartiere al buio.

All’alba di oggi, mercoledì 8 maggio, sono stati registrati furti in auto, in particolare ai danni di una Maserati in sosta in via Gallotti: i balordi hanno infranto il finestrino portando via vari oggetti ed effetti personali.

“Abbiamo segnalato il black out elettrico – spiega Emanuela C., una residente che ha contattato la redazione del quotidiano on line della Città del Nordest Tiburno.Tv – Soltanto stamane hanno effettuato un sopralluogo i tecnici di Engie, la società che gestisce il Servizio Luce.

Chiediamo che sia il Comune di Tivoli a sostenere la spese per il ripristino dei lampioni e che non venga addebitato ai residenti, già costretti a pagare le tasse come se il Giglio fosse davvero un quartiere residenziale.

Col quartiere al buio i ladri continueranno ad agire indisturbati”.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.