Frode fiscale e autoriciclaggio, sequestrato un patrimonio da 6 milioni di euro

La Guardia di Finanza arresta un imprenditore del settore alberghiero

Attraverso operazioni fittizie è riuscito ad accumulare un patrimonio di sei milioni di euro, tra appartamenti di lusso, ristoranti e concessionari di barche.

Così, su delega della Procura della Repubblica di Roma, i Finanzieri del Comando Provinciale Roma hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di un imprenditore indagato per le ipotesi di reato di auto-riciclaggio, trasferimento fraudolento di valori, sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte, false comunicazioni sociali e frode fiscale.

Lo annuncia il Comando Provinciale della Guardia di Finanza in un comunicato stampa diffuso oggi, lunedì 13 maggio.

Oltre alla misura personale, nei confronti dell’indagato è stato disposto il sequestro preventivo finalizzato alla confisca di beni a lui riconducibili fino alla concorrenza del profitto del reato di auto-riciclaggio, pari a circa 6 milioni di euro.

LEGGI ANCHE  TIVOLI - Codice Rosso, gli allievi della Penitenziaria a lezione dai colleghi della Polizia

Secondo il comunicato, le indagini, svolte dal Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Roma, hanno consentito di tracciare una serie di operazioni effettuate dall’imprenditore, attivo nella logistica e nei servizi alberghieri, allo scopo di trasferire e reinvestire i proventi illeciti realizzati da alcune società, a lui riconducibili, coinvolte in una frode IVA in relazione alla quale lo stesso è stato già rinviato a giudizio.

In particolare, i proventi, una volta canalizzati in favore di due società romane attraverso fittizie operazioni di finanziamento soci e pagamento quote per la gestione centralizzata della liquidità aziendale, sono stati impiegati per l’acquisizione di immobili di pregio a Roma, per la rilevazione di un’attività di ristorazione nel Comune di Santa Marinella, per la costituzione di società operanti nel settore della compravendita di natanti, per l’estinzione di mutui fondiari e garanzie fideiussorie nonché per la sottoscrizione di preliminari di compravendite di altre aziende o compendi immobiliari.

LEGGI ANCHE  GUIDONIA - Maratonina di San Luigi, vincono ancora Alessio Tanfoni e Paola Patta

Nel comunicato il il Comando Provinciale della Guardia di Finanza sottolinea che le misure cautelari personali e reali sono state emesse nell’ambito della fase delle indagini preliminari e, allo stato delle attuali acquisizioni probatorie e in attesa di giudizio definitivo, è doveroso sottolineare che vale la presunzione di non colpevolezza degli indagati.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.