Prova a corrompere i finanzieri con 500 euro, commerciante cinese in manette

Il 40enne ha tentato di evitare il sequestro di 30 mila prodotti contraffatti

Pur di evitare il sequestro di accessori per la telefonia, il commesso di una rivendita al dettaglio al Pigneto ha provato a corrompere una pattuglia di Finanzieri del Comando Provinciale di Roma, offrendo loro 500 euro.

Secondo un comunicato stampa diffuso oggi, martedì 21 maggio, le Fiamme Gialle del 3° Nucleo Operativo Metropolitano di Roma erano entrate nell’esercizio commerciale per verificare la liceità della merce posta in vendita, rilevando che gli articoli recavano il marchio contraffatto di una nota casa produttrice, oltre che privi della certificazione di conformità di sicurezza.

L’uomo, un quarantenne di nazionalità cinese, ha avvicinato con un pretesto uno dei militari mentre era in corso la stesura degli atti di polizia giudiziaria, mostrando una “mazzetta”, rivelatasi poi costituita da dieci banconote da 50 euro ciascuna.

LEGGI ANCHE  Concorsi per dirigenti in Provincia, i sindacati presentano un esposto in Procura

Il dipendente è stato arrestato per l’ipotesi di reato di istigazione alla corruzione e processato con rito c.d. “direttissimo” dalla Sezione Collegiale del Tribunale Ordinario di Roma, mentre il titolare della ditta individuale cui è riconducibile l’attività commerciale dovrà rispondere di frode in commercio e di introduzione nel territorio nazionale di merce contraffatta.

L’operazione si inquadra nel più ampio dispositivo di contrasto ai traffici illeciti predisposto dal Comando Provinciale di Roma che mira alla salvaguardia dell’economia legale, della sicurezza e della salute dei consumatori.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.