Capena – Piccoli-grandi volontari impegnati a pulire la città

volontarie n“Puliamo Capena” è stato un successo. L’iniziativa di volontariato con il solo scopo di scoraggiare l’abbandono dei rifiuti lungo le strade. Volta a costituire un’azione formativa per i bambini, finalizzata alla divulgazione del rispetto e la cultura dell’ambiente, in un contesto di socializzazione tra i partecipanti.    

«Come stabilito, nella mattinata di sabato 29 settembre, ci siamo incontrati alle 8 in paese per fare colazione tutti insieme, poi siamo andati in località “Mola Saracena” dov’era stato allestito lo stand di Legambiente ed abbiamo cominciato a lavorare in un’atmosfera giocosa, cordiale e di grande collaborazione», spiega Patrizia Mazzetta una delle organizzatrici dell’iniziativa.
«Un lavoro ben coordinato, avevamo i mezzi offerti dagli sponsor, guanti, cappellini e pettorine e con grande soddisfazione abbiamo letteralmente fatto cambiare faccia a tutta la zona. Ora contiamo di riuscire a ripetere l’operazione anche in tutte le altre zone periferiche», aggiunge Mazzetta.
Hanno partecipato circa novanta persone, soprattutto  sessanta bambini che hanno lasciato un grosso insegnamento di civiltà.
è stata emozionante la benedizione di don Gilberto, parroco di Capena. Dell’amministrazione era presente il sindaco Antonella Bernardoni, che ha fatto la colazione con un gruppo di volontari. L’evento è stato liberamente voluto da cittadini, esasperati dal fatto di dover vivere nell’immondizia per le strade del paese. Sarebbe stato importante, forse doveroso, viste le condizioni pietose in cui versa Capena, che insieme ai cittadini muniti di guanti, sacchi e rastrelli, ci fossero stati anche assessori e consiglieri. In realtà un consigliere c’era, Stefano Teodonno, l’unico che dimostra da sempre sensibilità per le iniziative a favore del paese, ma ha tenuto a ribadire che era lì come libero cittadino e non come amministratore, come dargli torto.
Prezioso il contributo dell’Anmi, (Associazione nazionale fra lavoratori mutilati e invalidi del lavoro), il cui presidente è Claudio Betti. «Abbiamo raccolto un quintale e mezzo di vetro, centocinquanta sacchi di rifiuti indifferenziati per un chilometro e duecento metri di strada. Ripeteremo sicuramente l’iniziativa in altre strade comunali di Capena».   
A lavoro finito, soddisfazione per i presenti e gadget di Legambiente per i bambini che si sono adoperati.

Gino Ferretta

Condividi l'articolo:
LEGGI ANCHE  Primo volo Ita, addio Alitalia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *