Rapina a Villalba, il bandito della Magliana cinque anni fa si sparò in faccia da solo

LEGGI ANCHE Guidonia – Dalla Magliana a Villalba: ecco chi ha sparato al gioielliere

Sotto la minaccia della pistola, avrebbe costretto il gioielliere ad aprire la porta al complice, Roberto Trione. Ma Fornari non ha voluto aprire la cassaforte, ha reagito, ha attivato il sistema anti rapina e a quel punto sarebbe nata una colluttazione. Così la pistola sarebbe scivolata dalle mani del rapinatore e un colpo partito accidentalmente lo ha ferito.
andrea cinusNon è la prima volta che Cardinale si dimostra poco pratico con la pistola in pugno. Gli era già successo a novembre 2011 in via Cavour nel centro di Roma, quando fu arrestato dallo stesso Andrea Cinus (nella foto a sinistra) che oggi dirige la compagnia dei carabinieri di Tivoli e cinque anni era alla guida del Nucleo operativo di Roma Centro.

LEGGI ANCHE  MONTEROTONDO - Primo Consiglio comunale, il sindaco Riccardo Varone giura per la seconda volta

Anche in quell’occasione, il bandito prese di mira un laboratorio orafo dove all’interno c’erano il titolare sordomuto, due commesse e un bimbo di quattro mesi, figlio di una delle due. Pure in quel caso un collaboratore del gioielliere reagì, durante la colluttazione partì un colpo accidentalmente, e Cardinale restò ferito al volto. In pratica si sparò da solo. Insanguinato fuggì, prima su uno scooter condotto da un complice che lo abbandonò sull’ asfalto di via IV novembre a due passi dalla prefettura. A quel punto il bandito tentò di salire su un taxi ma i carabinieri, dopo un inseguimento rocambolesco, riuscirono a catturarlo.
Ora Cristian Cardinale e Roberto Trione sono a Rebibbia, accusati di rapina aggravata, porto abusivo d’arma, sequestro di persona e ricettazione.

LEGGI ANCHE  GUIDONIA - “Stop alla precarizzazione”, gli assistenti ai disabili protestano in piazza

 

LEGGI ANCHE Guidonia – Rapina a Villalba, sparano al gioielliere: arrestati due italiani

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.