CAPENA – Scarcerato l’ex direttore del Centro Commerciale Tiberinus

Antonio Miano e i suoi familiari ottengono la revoca delle misure cautelari

Il 23 giugno, dopo circa un mese di custodia cautelare, il Tribunale del Riesame di Venezia ha stabilito la revoca delle misure cautelari per Antonio Miano, suo fratello Carmine e sua moglie Paola Scorrano, che era stata destinata agli arresti domiciliari. Il giudice ha infatti stabilito che per loro non esiste il pericolo di reiterazione dei reati imputati.

I tre sono coinvolti in una indagine della Guardia di Finanza denominata “Black Mall”, condotta tra Roma e Rovigo, che contesta ai nove imputati i reati di bancarotta e autoriciclaggio, anche in relazione alle attività della società che gestisce il centro commerciale Tiberinus di Capena.

 

 

LEGGI ANCHE  Ripartenza scuola, ecco le criticità

 

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *