Il Casello autostradale dell'A24 di Vicovaro

Caropedaggi: i sindaci dell’A24 tornano sotto al Ministero

Giovedì sera a Carsoli, la “base” delle riunioni, è andato in scena un nuovo incontro. I Sindaci torneranno sotto il Ministero per lottare contro i rincari dell’A24 e dell’A25 e "convocano" consiglieri regionali, deputati e senatori di Lazio ed Abruzzo..

Non si ferma la lotta contro il caropedaggi, i sindaci di oltre 110 comuni di Lazio ed Abruzzo hanno deciso le nuove tappe della protesta a cominciare dalla prossima settimana. Per scongiurare la nuova ondata di rincari che vedrebbe le tariffe aumentare anche del 36%, bloccata fino al 31 dicembre, gli amministratori locali manifesteranno sotto il Ministero dei Trasporti mercoledì prossimo. 

La decisione è arrivata al termine di un incontro, giovedì sera, nel municipio Carsoli, la “sede” degli incontri dei Sindaci. A dar battaglia anche i rappresentanti di alcuni comuni della Valle dell’Aniene. A difendere i propri territori c’erano Gianni Innocenti, assessore di Tivoli, Fiorenzo De Simone, sindaco di Vicovaro, Michele Nonni di Castel Madama, Gina Panci di Cerreto Laziale e commissaria della X Comunità Montana, Nando Cascioli commissario IX Comunità Montana, Enzo Aureli di Pisoniano, Mattia Folgori di Roviano, Giancarlo Palma di Riofreddo, Claudio Pettinelli di Mandela, Francesco Mezzaroma vicesindaco di Vivaro Romano.

 

 

LEGGI ANCHE  Contagi nel Lazio e a nord-est
Il municipio di Carsoli

LA MANIFESTAZIONE A ROMA

“Vogliamo risposte certe – spiega Velia Nazzarro, sindaca di Carsoli e portavoce dei Sindaci -, non possiamo continuare così. Abbiamo scelto di mantenere una linea dura e mercoledì prossimo (24 novembre) torneremo a manifestare sotto la sede del Ministero a Roma. Ad oggi il Ministro non ha mantenuto le promesse assunte nell’incontro del 28 ottobre e per noi è molto grave”.

Questa volta, quindi, i Sindaci non si faranno fermare da eventuali risposte del Ministro, come il 28 ottobre quando la protesta fu sospesa perché convocati per una riunione.

La riunione dei Sindaci a Carsoli per organizzare la lotta contro il caropedaggi
La riunione dei Sindaci a Carsoli per organizzare la lotta contro il caropedaggi

“Inviteremo alla manifestazione anche i consiglieri regionali, deputati e senatori di Lazio ed Abruzzo. Confidiamo in una grande partecipazione” prosegue Nazzarro.

DAL LAZIO

Intanto i Sindaci hanno incassato, a parole, l’appoggio del presidente Zingaretti che con un comunicato stampa di è già schierato contro il caro pedaggi. “Scongiurare l’aumento dei pedaggi è una battaglia che stiamo combattendo da molto tempo. Siamo sempre stati vicini ai Comuni del territorio e ai lori rappresentanti, e continueremo a farlo”.

LEGGI ANCHE  Regione Lazio - L'Anci Lazio apre sei posizioni per il servizio civile di Monterotondo
La riunione dei Sindaci a Carsoli per organizzare la lotta contro il caropedaggi
La riunione dei Sindaci a Carsoli per organizzare la lotta contro il caropedaggi

Come promesso è stato convocato per martedì un incontro, in via telematica, tra l’assessore regionale Mauro Alessandri ed una delegazione di Sindaci. “Ad Alessandri vogliamo chiedere il sostegno alla nostra lotta – spiega la Sindaca di Carsoli – e la presenza alla manifestazione”.

DALL’ABRUZZO

All’incontro di Carsoli ha partecipato un delegato della Regione Abruzzo, il Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regionale con funzioni alla Mobilità Umberto D’Annuntiis ed il presidente della provincia de L’Aquila Angelo Caruso.

La riunione dei Sindaci a Carsoli per organizzare la lotta contro il caropedaggi

“E’ una battaglia di sopravvivenza – commenta Caruso -. Con tutti gli aumenti che stiamo affrontando oggi il caropedaggi non è praticabile. Si stanno spendendo tante parole, tante proteste, in questi quattro anni per contrastare gli aumenti e si sono raggiungi risultati importanti. Ora, però, il Governo deve fare un passo decisivo, stabilizzando questi pedaggi. Sopratutto deve rivedere i criteri perchè A24 ed A25 sono autostrade costose”.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *