prosecco

Crescita del Prosecco: qualità e sostenibilità

Perché aumenta il successo delle bollicine del Prosecco in tutto il mondo?

Buono è buono, lo sappiamo tutti, ma le bollicine del Prosecco, stanno davvero andando alla grande, poiché nel 2021 se ne sono state vendute 754 milioni di bottiglie, dal peso di 4 miliardi, e con un mercato all’estero che ha registrato il 30% in più rispetto all’anno precedente. Per quale motivo? La risposta è duplice: qualità e soprattutto sostenibilità, ambientale (le colline dove sono coltivate le prestigiose vigne sono patrimonio dell’umanità dell’Unesco) ma anche sociale ed economica, certificata da un sistema di consorzi che si occupano della produzione di Prosecco nelle sue diverse declinazioni, dal Veneto al Friuli. Di Prosecco ce ne sono diversi tipi, legati ai relativi consorzi, il Docg Conegliano Valdobbiadene, che conta su 105 milioni di bottiglie (+13,7% rispetto al passato) e un valore sui 700 milioni di valore. La Doc, che è più pesante, sia economicamente sia in fatto di quantità, a fine 2021 contava su 627 milioni di bottiglie, quasi il +26% in più rispetto al 2020, per qualcosa come 3,2 miliardi di euro. Da ricordare poi il Prosecco Docg Asolo, 21,4 milioni di bottiglie, un bel balzo in avanti anche qui con un+14,4%. Valore? Un centinaio di milioni di valore. Allora… buon brindisi.

LEGGI ANCHE  Sorprese da broccolo

 

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *