Turismo rurale, nella Valle dell’Aniene nasce Vamos

Costituita ieri da 21 Comuni e 16 privati

L’Aniene con i suoi affluenti, Monte Livata e i Monti Simbruini coi sentieri religiosi e escursionistici. Ed ancora chiese, castelli e palazzi monumentali. Piatti genuini e unici. C’è un micro mondo da scoprire nella Valle dell’Aniene. Oggi per promuoverlo è stato costituisco a Agosta una Dmo, alla quale hanno aderito 21 comuni e 16 imprese, per lo più ricettive. L’ente è stato battezzato VAMOS, acronimo di “Valle Aniene e Monti Simbruini”. I progetto da realizzare: “Camminando tra i monumenti dell’uomo e della natura” . “Il nostro obiettivo è quello di promuovere e valorizzare il territorio allargandoci in prospettiva ad altri enti imprese e associazioni”, ha dichiarato Gina Panci, neo presidente della Dmo, nonché sindaco di Cerreto Laziale e commissario della X Comunità Montana.
UN BANDO REGIONALE
Un progetto nato grazie a un finanziamento di 150.000 euro della Regione Lazio, lievitato a 180 mila grazie alla compartecipazione della Comunità Montana, del Parco dei Simbruini, del Gal Futur@niene, e dei comuni aderenti e una piccola quota associativa dei privati. L’atto costitutivo è stato firmato ieri nella sede della Comunità Montana, in località Madonna della Pace, ad Agosta in presenza del notaio Carlo Gaddi.
I Comuni aderenti sono: Affile, Agosta, Anticoli Corrado, Arcinazzo Romano, Arsoli, Camerata Nuova, Canterano, Cerreto Laziale, Cervara Di Roma, Marano Equo, Percile, Riofreddo, Rocca Canterano, Roccagiovine, Rocca S. Stefano, Roviano, Subiaco, Vallepietra, Vallinfreda, Vicovaro, Vivaro Romano.

LEGGI ANCHE  PALOMBARA SABINA - Cinema, torna il “Festival delle Cerase”: il Comune cerca sponsor

LA SFIDA DEL TURISMO RURALE
Sono previsti quattro cluster di intervento: turismo outdoor, turismo culturale ed identitario, eventi culturali ed artistici e infine salute, enogastronomia e turismo rurale.
“Nutriamo molte aspettative da questa associazione”, afferma il sindaco di Rocca Santo Stefano, Sandro Runieri, “Usciamo così dalle dinamiche campanilistiche, di tanti borghi piccoli e bellissimi, per promuovere il territorio e le sue varietà nel suo complesso”.
Il punto di partenza sarà l’apertura di un sito web turistico e una segnaletica ad hoc nei punti d’ingresso alla Valle: VAMOS.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.