Guidonia – Incenerimento alla Buzzi Unicem, il sindaco dice “no”

Secondo una nota di Michel Barbet "Sono preoccupato per questa ipotesi"

“Sono venuto a sapere che la Buzzi Unicem ha richiesto alla Regione Lazio la possibilità di bruciare CSS, cioè un combustibile che si ricava dal trattamento dei rifiuti, nei propri forni del cementificio che si trova qui, a pochi passi dal centro della città. Credo sia un fatto molto grave e che non può che vedermi preoccupatissimo e contrario a tale ipotesi. Siamo abituati a difendere il nostro territorio dagli attacchi e continueremo a farlo, come dimostrano le nostre azioni concrete e che si stanno rivelando decisive contro l’apertura del TMB e per la bonifica dell’Inviolata”- dichiara il Sindaco Michel Barbet.

GUIDONIA – Buzzi Unicem, il cementificio verso la decarbonizzazione

“Concedere l’autorizzazione non è una competenza del comune, in quanto gli imprenditori devono fare richiesta alla Regione che è l’unico ente che può dare o meno questa possibilità- prosegue Barbet- già questa mattina ci siamo fatti sentire con gli uffici regionali ed in particolare con l’assessore alla Transizione Ecologica Roberta Lombardi per manifestare la ferma contrarietà della Città ad una prospettiva che riteniamo potenzialmente dannosa per l’ambiente”.
“Crediamo fermamente che chiudere il ciclo dei rifiuti con l’incenerimento è dannoso e sbagliato e chiedere una cosa del genere ad una città come Guidonia Montecelio che, con il suo 70% di raccolta differenziata sta facendo moltissimo per limitare l’utilizzo degli inceneritori, è decisamente inaccettabile”, conclude il sindaco.

Condividi l'articolo:
LEGGI ANCHE  TIVOLI – L'Asa lancia il premio Vetrine Sostenibili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.