TIVOLI – “Valentina”, autobiografia sul coraggio di essere se stessi

Mercoledì 23 febbraio su Amazon esce il romanzo di Valentina Oriofi: “L’importante non è risolversi ma accettarsi”

Si intitola “Valentina”, è un romanzo autobiografico che racconta il viaggio verso l’accettazione di sé da parte di una donna di 38 anni.

Lei è Valentina Oriofi, professione dipendente pubblico, nel 2019 eletta consigliere al Comune di Tivoli, oggi autrice di un racconto sul complesso tema della ricerca di sé dal punto di vista di una ragazza nata a cavallo tra gli anni ’80 e ’90 in un paese di provincia.

Mercoledì 23 febbraio “Valentina” sarà disponibile in vendita su “Amazon” e martedì primo marzo alle ore 18,30 l’autrice presenterà il romanzo presso “Boschi Tivoli” in Piazza Palatina 14.

Protagonista dell’opera è appunto Valentina (Tivoli, 1983), consigliera comunale, da sempre legatissima ai suoi luoghi nativi, che ha odiato e amato, da cui voleva scappare e a cui torna con passo sicuro, con fiducia, con un romanzo incredibile narrato nel suo unico e inconfondibile stile. Più che un libro, un diario segreto, che parla di noi e delle nostre strade “culla di pietra dura”, del nostro rapporto con le origini, la famiglia, gli amici e gli amori di sempre e poi di sogni, in quel temerario equilibrio (o dis-equilibrio) tra radici e ali.

LEGGI ANCHE  TIVOLI - Elezioni, le Liste civiche si autosospendono: "FdI chiarisca: o noi o la Lega"

Nella postfazione del libro Valentina Oriofi scrive:

Tra le pagine c’è un dolore che ha trovato la forza di essere narrato, ripercorso e rinato in un messaggio potente lungo il faticoso cammino del “divenire” ciò che si vuole essere, scegliendo la propria strada e ridisegnando orizzonti oltre le aspettative, oltre i giudizi, oltre gli scacchi, oltre la mappa. Un inno alla libertà, per scardinare la gabbia. Un inno all’amore, per affrancarlo dai vincoli. Un inno alla vita, per chi – come la giovane autrice – sente di avere il maremoto dentro”.

Il dolore narrato è quello delle ferite della diversità e della prigionia nella paura del giudizio personale, prima ancora che di quello sociale. L’amore è quello per se stessa, conquistato con le unghie, nel tempo, un amore in grado di superare qualsiasi pregiudizio.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.