FONTE NUOVA – Tubo rotto, scoppia la grande sete a Santa Lucia

Da sabato cinque famiglie e un centro sportivo sono senz’acqua. E Acea non interviene

Cinque famiglie e un centro sportivo senz’acqua a Santa Lucia, frazione del Comune di Fonte Nuova.

L’sos alla redazione del quotidiano on line Tiburno.Tv arriva da via Monte Bianco 72, la strada che collega la via Nomentana alla via Palombarese, dove da sabato 28 giugno i rubinetti continuano a restare a secco nonostante i ripetuti solleciti di intervento ad Acea Ato 2 da parte dei residenti negli ultimi dieci giorni.

Per una settimana arrivava poca acqua – spiega Cinzia, una delle abitanti nel complesso di case sparse – e pensavamo che la carenza idrica dipendesse dall’eccessivo uso da parte di chi riempie le piscine e annaffia.

Invece ci siamo resi ben presto conto che si è rotto un tubo, come dimostra l’acqua emersa copiosa sull’asfalto antistante il centro sportivo, un guasto che già in passato si è palesato più volte in quanto gli impianti sono datati e obsoleti”.

LEGGI ANCHE  Ballico-Della Rocca: “Distrutti dal dolore per scomparsa Buonasorte. Vicini alla famiglia”

Gli abitanti raccontano di aver perso il conto delle telefonate al numero verde di Acea Ato per sollecitare un intervento.

Già nella settimana scorsa – prosegue Cinzia – abbiamo chiamato per segnalare che di acqua ne arrivava pochissima, l’operatore ci ha sempre risposto che avrebbe sollecitato una squadra di pronto intervento.

Da sabato stiamo tempestando il centralino e la risposta è la medesima. Pensavamo che stamane ci saremmo svegliati con gli operai sotto casa e invece niente, per cui abbiamo effettuato l’ennesimo sollecito.

Nel frattempo continuiamo a non poterci lavare né rinfrescare in un momento come questo in cui le temperature raggiungono i 40 gradi. Ad Acea abbiamo anche chiesto se nel frattempo è possibile inviare un’autobotte dalla quale fare approvvigionamento giornaliero, ci è stato detto che è possibile soltanto per i condomini dotati di una cisterna.

Purtroppo abitiamo in case singole, ma non mi sembra un valido motivo per morire di sete”.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.