TIVOLI – Stipendi d’oro ai politici, ma il sindaco ha sempre lavorato gratis

Dall'inizio del primo mandato nel 2014 Giuseppe Proietti ha rinunciato all'indennità di funzione e continua a farlo

In riferimento all’articolo “TIVOLI – Stipendi d’oro ai politici, 331 mila euro in un anno”, pubblicato sul quotidiano on line Tiburno.Tv in data 01 luglio 2022 dal sindaco di Tivoli Giuseppe Proietti riceviamo e pubblichiamo la seguente rettifica:

“Nell’articolo si scrive testualmente 

“Così, se fino al 31 dicembre per il Sindaco Giuseppe Proietti era prevista una indennità mensile, pari a 3.178 Euro, da gennaio 2022 al Capo dell’Amministrazione Tiburtina saranno erogati 4.839 Euro, che saliranno a 5.419 Euro dal primo gennaio 2023. Senza contare che dal primo gennaio 2024 lo “stipendio” mensile previsto sarà di 6.210 Euro al mese. In sostanza, nel giro di due anni il primo cittadino sfiora il doppio degli importi”

si chiede

una rettifica ai sensi dell’art.8 della legge 47/1948, in quanto, contrariamente a quanto affermato e come a Voi noto per averne in passato dato atto in pregresse vostre pubblicazioni,

al Sindaco Giuseppe Proietti dalla data della prima elezione (giugno 2014) ad oggi non sono stati mai erogati alcuna indennità di carica, alcun compenso e alcun rimborso spese, non lo sono al momento né lo saranno nel futuro; ciò in virtù di formale e volontaria rinuncia da parte del Sindaco Proietti a qualsiasi compenso.

Tali somme sono state, sono e saranno mantenute, invece, a favore del bilancio comunale per i bisogni della collettività tiburtina.

Peraltro, a seguito dell’adozione da parte del Dirigente responsabile della D.D. n. 373 del 24/02/2022 da Voi richiamata, la rinuncia al compenso è stata immediatamente riconfermata dal Sindaco Proietti con atto formale.

Giuseppe Proietti ha sempre svolto le funzioni e le attività di Sindaco gratuitamente.

Quanto all’aumento delle indennità di carica degli altri Amministratori è d’obbligo precisare che il “salto di qualità”, come impropriamente si evince nel Vostro articolo, non è derivato da una scelta discrezionale del Comune di Tivoli, ma da espressa disposizione legislativa (i commi da 583 a 587 della Legge di Bilancio 2022) che non  contempla deroghe.

Il Comune di Tivoli quindi non ha fatto altro che dare attuazione agli obblighi normativi statali, applicando – nel rispetto della progressività cronologica – quanto statuito a livello centrale.

Per completezza di informazione si fa presente che tali “nuovi stipendi” riguardano TUTTI i Sindaci e TUTTI gli Assessori di TUTTI i Comuni d’Italia“.

 

Condividi l'articolo:
LEGGI ANCHE  TIVOLI - Scuola Taddei, il Comune chiede l’affitto senza contratto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.