TIVOLI – Dal Mausoleo dei Plauzi al Tempio della tosse: bilancio di scavi e restauri

Sabato in un convegno aperto al pubblico saranno presentate le conclusioni degli scavi in corso

Tivoli tira il bilancio sugli scavi e restauri archeologici in corso. La presentazione sabato 19 novembre, dalle ore 16,30 alle 18,30 al Museo della Città di Tivoli nell’ambito del convegno “Maestose reliquie di Moli così superbe”. L’appuntamento, patrocinato dal Comune, ed organizzato dalla Soprintendenza archeologica per l’area metropolitana di Roma è aperto al pubblico anche senza prenotazione.

Gli scavi e restauri hanno riguardato dal 2019 più siti che saranno illustrati uno ad uno.

I siti restaurati

In un ideale percorso lungo la via Tiburtina Valeria, dalla zona a valle a quella a monte, si incontra dapprima il Mausoleo dei Plauzi Silvani. Il grandioso monumento sepolcrale cilindrico di età augustea trasformato in torrione nel XV secolo, che è stato interamente restaurato e inserito in un parco da cui si gode la vista anche del contiguo Ponte Lucano.

LEGGI ANCHE  Il vicesindaco di Montelibretti: Buonasorte un padre politico

A breve distanza, in via degli Orti,  il cosiddetto Tempio della Tosse, un vestibolo di età tardo-antica, a pianta centrale coperto a cupola, di una grande villa, del quale è stata risanata l’area circostante. Sono state anche valorizzate al suo interno le preesistenze archeologiche più antiche.

Presso la Stazione Ferroviaria la nota Tomba della vestale Cossinia. Scoperta lungo l’Aniene nel 1929, pericolosamente inclinata a causa del cedimento del terreno, ha ricevuto una nuova fondazione e la sepoltura attribuita alla vestale è stata oggetto di ulteriori analisi.

Il monumentale tratto dell’acquedotto Anio novus, nella sua ricostruzione degli inizi del III secolo, interessato negli ultimi anni da ripetuti crolli, è stato in gran parte consolidato. Ora potrà divenire meta di una istruttiva visita sul funzionamento degli acquedotti antichi.

LEGGI ANCHE  GUIDONIA - Taglia e porta via le querce del vicino, denunciato

Al Bivio di San Polo il terreno con i resti di villa romana da riferire probabilmente a quella attribuita a T. Marcius, concesso in uso governativo dal Demanio dello Stato alla Soprintendenza nel 2020, è stato sottratto al degrado e potrà essere destinato ad attività didattiche per le università e le scuole.

Introduce l’incontro il vicesindaco di Tivoli Laura Di Giuseppe. Presentazione del Soprintendente archeologia, belle arti e paesaggio per l’area metropolitana di Roma e per la provincia di Rieti Lisa Lambusier. Infine relazioni con video-proiezione a cura di Anna Paola Briganti, Giuseppe Borzillo, Zaccaria Mari, Gioacchino Piazza, Sergio Sgalambro, Raffaella Strati.

Non occorre prenotazione – Ingresso gratuito.

Per informazioni scrivere a: zaccaria.mari@cultura.gov.it

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.