Roberto Maroni, morto l’ex ministro dell’Interno

Lottava contro un male incurabile, dal 2021 si era ritirato dalla vita politica

All’alba di oggi, martedì 22 novembre, è morto l’ex ministro dell’Interno Roberto Maroni a causa di un male incurabile. Aveva 67 anni.

Secondo l’agenzia Ansa, Maroni si è spento nella sua casa nel Varesotto dove ha trascorso gli ultimi mesi.

Nato a Varese il 15 marzo 1955, sposato, due figli, laureato in giurisprudenza, avvocato, Roberto Maroni era considerato il braccio destro di Umberto Bossi e il numero due della Lega, e aveva fatto parte della Lega Lombarda fin dalla sua fondazione nel 1979.

Nel 1992 è stato tra gli 80 leghisti che rappresentarono per la prima volta la Lega in parlamento, oltre che segretario federale della Lega.

LEGGI ANCHE  GUIDONIA - Una pista da Rebibbia a Tivoli, il progetto del Comitato Ciclisti

Roberto Maroni fu ministro dell’Interno e vicepresidente del Consiglio nel 1994, ministro del Lavoro nel 2001 e ancora ministro dell’Interno nel 2008 sempre con Silvio Berlusconi presidente del Consiglio, infine presidente della Regione Lombardia dal 2013 al 2018.

Nel 2021 Maroni ha scoperto la malattia e da allora si era ritirato dalla politica attiva.

Grande segretario, super ministro, ottimo governatore, leghista sempre e per sempre. Buon vento Roberto“, lo ha salutato sui social il leader della Lega Matteo Salvini.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.