MONTEROTONDO – Nuovo look per la stazione ferroviaria, a breve via al cantiere

Saranno riorganizzati gli spazi interni ed esterni della stazione

Il progetto esecutivo è previsto per il 2023, poi verrà aperto il cantiere. Ieri Rfi ha annunciato i lavori in programma per la stazione ferroviaria Monterotondo-Mentana. Il progetto prevede la riqualificazione degli spazi abbandonati, strutture ecosostenibili, nuove aree pedonali ed un ingresso più agevole per la “Locanda delle Nocciole”, lo spazio riservato ai bambini in cura all’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma e le loro famiglie e ospitato al secondo piano dello stabile della stazione.

Il progetto è stato presentato nella sala consiliare del Comune di Monterotondo. Presenti all’incontro il sindaco della città eretina, Riccardo Varone, l’assessore regionale ai trasporti, Mauro Alessandri e rappresentanti di Rfi. Questi ultimi hanno annunciato che all’inizio del 2023 verrà preparato il progetto esecutivo per poi dare il via ai cantieri dell’importante snodo della linea Fl1 Orte – Fiumicino.

LEGGI ANCHE  TIVOLI - Casse pubbliche al verde, il Comune vende l’ex impianto sportivo “Lattanzi”

L’investimento, di circa 12 milioni di euro, cambierà volto allo scalo monterotondese. L’obiettivo è quello di far diventare la stazione un hub per la mobilità e un polo funzionale a disposizione dei cittadini.

Più spazio per i pedoni, via le barriere architettoniche e riqualificate le aree verdi. Un magazzino abbandonato sarà riservato agli studenti pendolari.

Per quanto riguarda il fabbricato della stazione, risalente alla fine dell’Ottocento, verranno rivisti gli interni e, soprattutto, i bagni saranno installati all’interno dell’edificio per evitare le devastazioni.
Per la “Locanda delle Nocciole” verrà realizzato un nuovo ingresso, dal lato del piazzale principale.

L’investimento – sintetizza il sindaco Varone – prevede di migliorare i servizi offerti ai passeggeri e il sistema complessivo di accessibilità, l’area di sosta dei viaggiatori, il sottopasso, i marciapiedi e le aree esterne”. Una stazione più innovativa ed ecologia, è la promessa. Saranno impiegati pannelli fotovoltaici e l’illuminazione a led per il risparmio energetico. Verrà inoltre individuata una nuova e più sicura collocazione delle rastrelliere per le bici.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.