CAMERATA NUOVA – Allarme bocconi avvelenati a Camposecco, uccisi tre cani

I bocconi avrebbero ucciso più animali. Nel mirino i tartufai

Allarme rosso sui Simbruini per bocconi avvelenati lasciati nei boschi. In pochi giorni sono stati segnalati tre cani uccisi.

A lanciare l’allarme la proprietaria di Brando, un cane di un anno e mezzo morto dopo aver ingerito un boccone gettato in un bosco. “Quando siamo arrivati a Campo dell’Osso giovedì scorso stava bene, era felice, come tutta la mia famiglia. Abbiamo passato il 6 gennaio passeggiando verso Monte Autore”, ha scritto la donna su facebook.

È stata una giornata bellissima. Il giorno dopo abbiamo deciso di intraprendere il percorso di montagna in direzione di Camerata Nuova. Proprio mentre passeggiavamo vicini alla vallata di Camposecco, Brando ha mangiato un boccone avvelenato. Ha iniziato a stare male ed è morto tra le braccia di mio fratello nel giro di mezz’ora”.

LEGGI ANCHE  MONTEROTONDO - Strisce Blu, arrivano 3 nuove ausiliarie della sosta: occhio alle multe

I Carabinieri di Camerata Nuova (che ringraziamo di cuore), dove siamo andati per riportare l’accaduto, ci hanno informati del fatto che Brando era stato il terzo cane in una sola settimana ad essere vittima di questi criminaliha aggiunto – Presumibilmente persone che raccolgono tartufi che disseminano questi bocconi avvelenati per farsi la guerra e uccidersi i cani tra loro“. 

Chi conosce il territorio ritiene che dietro ai bocconi avvelenati lasciati sul territorio potrebbero esserci i tartufai che si fanno la guerra per assicurarsi il territorio. Nell’area c’è preoccupazione perché i bocconi possono uccidere anche gli animali selvatici.

Al post della padrona di Brando ha risposto un escursionista: “Ieri mattina ero su a campo dell’osso con il mio cane in mezzo alla faggeta, lontano da aree attrezzate per i barbecue e ho trovato dei pezzi di carne… di solito il mio cane quello che trova mangia, ma in questo caso no. Non mi sono fidato, così ho fatto sparire tutto. Purtroppo il genere umano merita l’estinzione. Mi dispiace per il tuo amico a 4 zampe”.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.