GUIDONIA - Pensilina pericolante, pendolari costretti ad attendere il bus in strada

Alla fermata di via Nomentana a Colleverde nessuno interviene

A guardarla così sembra debba venire giù da un momento all’altro. Un ammasso di lamiera arrugginita piegata su se stessa.

La pensilina della fermata bus al chilometro 16 della via Nomentana a Colleverde di Guidonia

E’ la pensilina dei bus Cotral e Atac ubicata al chilometro 16 della via Nomentana, a Colleverde di Guidonia, sulla corsia in direzione Roma.

La pensilina è un ammasso di lamiere arrugginite

A segnalare la situazione paradossale e pericolosa è il signor Maurizio, 78 anni, un pioniere di Colleverde residente nel quartiere di Guidonia Montecelio dal gennaio 1974, che ha inviato alla redazione del quotidiano on line della Città del Nordest Tiburno.Tv alcune foto significative.

LEGGI ANCHE  TIVOLI – Abusi su minori, la Procura chiede 10 anni di carcere per il prof di Religione

La pensilina dei bus a Colleverde è una scena da Terzo Mondo

“Il pericolo – spiega il pensionato – consiste non soltanto nel possibile crollo della pensilina, ma anche nell’obbligo per i tantissimi pendolari di attendere il bus diretto a Roma in mezzo alla Nomentana”.

Pendolari costretti ad attendere il bus in mezzo alla Nomentana

Secondo il racconto del signor Maurizio la situazione va avanti così da un mese dopo un incidente stradale all’incrocio tra via Nomentana e via Monte Bianco fra tre auto carambolate contro un lampione a sua volta precipitato sulla pensilina.

Da allora nessun Ente è intervenuto, fatta eccezione per il nastro bianco e rosso apposto dalla Polizia Locale per segnalare il pericolo e transennare l’area.

LEGGI ANCHE  GUIDONIA - Viabilità, 47 mila euro per la segnaletica stradale

Un nastro bianco rosso strappato dai temporali delle ultime settimane che ora giace sull’asfalto.

Dietro alla pensilina c’è anche una discarica abusiva di rifiuti

“Come se non bastasse – aggiunge il signor Maurizio – l’area sul retro della pensilina pericolante è diventata una discarica abusiva con una trentina di sacchi di rifiuti. Colleverde non la riconosco più”.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.