Il papà di Giulia da Fazio: “Dite più spesso ti amo”

Gino Cecchettin: "Voglio dare un aiuto ancora a chi può salvarsi. Prima giravo pagina"

Ore 20 e 55, su Nove c’è Gino Cecchettin. Il papà della 22enne Giulia uccisa e gettata una scarpata dall’ex Filippo Turetta, è ospite di Fabio Fazio a Che Tempo Che Fa e l’Italia si ferma a guardarlo. Fazio parla subito del funerale di Giulia. “Lei ha avuto la forza di parlare al futuro. Per questo le diciamo grazie: perché l’assenza di Giulia possa portare germoglio per tutti”.

Ho una mente razionale, ho pensato di dare un aiuto a chi ancora può salvarsi”, risponde il papà di Giulia. “Se sono qui stasera è perché mi ritrovo a combattere una battaglia di cui non era consapevole. Sì, leggevo dei femminicidi ma giravo pagina…”.

LEGGI ANCHE  TIVOLI - Via dei Sosii, sono iniziate le prove tecniche di Ztl

Gino parla della moglie: “Tutti gli eventi che mi sono capitati durante quest’anno, da quando è mancata mia moglie, mi fanno vedere il mondo in maniera diversa. Devo ringraziare mia moglie Monica per avermi fatto conoscere l’essenza dell’amore”. “Mi ritrovo senza moglie senza figlia: ma con la possibilità di gridare che possiamo fare tutti qualcosa: Elena ha dato un messaggio ben chiaro, quello contro il patriarcato. Io la sosterrò sempre”.

Una fondazione per Giulia

Mi impegnerò in questa battaglia. Ora devo riprendere un po’ di forza. Fondare una fondazione, come mi hanno consigliato. E’ qualcosa che sta nei nostri piani. Monica e Giulia sono la mia luce. Io e i miei figli faremo di tutto per danzare sotto la pioggia”, aggiunge citando Khalil Gibran con quel verso che ha letto anche ai funerali di sua figlia.

LEGGI ANCHE  TIVOLI - Esce dalla clinica e scompare, dov’è Stefano?

Da Gino Cecchettin un consiglio: “Stare più vicini ai figli, non essere amici. Violare un pochettino la privacy. Io non l’ho fatto troppo con Giulia essendo molto giudiziosa. Ma bisogna capire i quadro psicologico dei nostri figli”.

Il papà di Giulia ha chiuso l’intervista con un appello: “Dite più spesso ti amo, ditelo anche ora. Non ti voglio bene, ma ti amo. Ditelo alle vostre compagni alle mogli. Ditelo adesso

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.