FONTE NUOVA – Centrale dello spaccio in una villa abbandonata, tre arresti

Blitz della Polizia, sequestrati 6 chili e mezzo di droga e una pistola

All’apparenza sembrava un rudere fatiscente, in realtà all’interno era stata allestita una vera e propria centrale del traffico di droga.

Sono stati gli investigatori della Polizia di Stato ad intercettare un mini condominio dedicato allo spaccio di sostanze stupefacenti. All’interno 3 persone, nei loro rispettivi appartamenti/magazzini, nascondevano droga e una pistola clandestina.

Lo comunica la Questura di Roma in una nota diffusa oggi, sabato 10 febbraio.

I poliziotti della Sezione antidroga della Squadra Mobile romana, durante una delle loro indagini, hanno svolto un controllo in una villa, che versa in pessimo stato d’uso ai limiti del degrado, in località Santa Lucia, frazione del Comune di Fonte Nuova.

All’interno della villa erano stati creati più appartamenti, secondo gli investigatori utilizzati per nascondere droga.

In 3 occasioni l’intuizione si è rivelata esatta: nell’appartamento di un 58enne sono stati trovati circa 74 grammi tra cocaina, hashish e marijuana ed una Beretta calibro 22 con matricola abrasa; più di mezzo chilo di cocaina, 3 chili di marijuana e poco meno di 3 chili di hashish sono stati trovati in un magazzino in uso ad un 69enne; ad ultimo, nell’alloggio di un 30enne, sono stati trovati 19 grammi di cocaina ed il materiale per il confezionamento delle singole dosi.

LEGGI ANCHE  MENTANA - Caffè e cappuccini “stupefacenti”, barista in manette

Tutti e 3 sono stati arrestati perché gravemente indiziati, ognuno in relazione alle proprie responsabilità, del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Mentre il solo 58enne dovrà rispondere anche della detenzione di arma clandestina.

Gli arrestati sono stati posti a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. La Procura di Tivoli ha chiesto ed ottenuto, dal Giudice per le Indagini Preliminari, la convalida dell’operato della Polizia di Stato.

Già la scorsa settimana gli agenti della Polizia di Stato avevano arrestato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti un 46enne italiano residente a Mentana (CLICCA E LEGGI L’ARTICOLO DI TIBURNO).

L’uomo era stato fermato in strada dagli agenti del II Distretto Salario-Parioli con alcune dosi di cocaina in tasca, ma durante la perquisizione del suo appartamento erano stati rinvenuti e sequestrati altri 26 grammi di polvere bianca nascosta nel vano porta cenere del camino.

LEGGI ANCHE  GUIDONIA – “Martedì e venerdì”, Fabrizio Moro incontra 2 mila studenti del “Majorana-Pisano”

Giovedì primo febbraio l’arresto era stato convalidato dal Tribunale di Tivoli.

Ad ogni modo tutti gli indagati sono da ritenere presunti innocenti, in considerazione dell’attuale fase del procedimento, ovvero quella delle indagini preliminari, fino a un definitivo accertamento di colpevolezza con sentenza irrevocabile.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.