SANT’ANGELO ROMANO – Concorso per autista di scuolabus, 19 candidati in corsa

Per ambire all'unico posto fisso servono licenza media, patente D e conoscenza di inglese e smartphone

Tra i requisiti speciali per essere ammessi c’erano il diploma, la patente Dl’abilitazione al trasporto di persone e la conoscenza dell’inglese e delle principali apparecchiature informatiche più diffuse.

Sono 19 le domande ammesse con riserva al concorso pubblico per un posto di Autista di scuolabus-operaio a tempo indeterminato e pieno bandito il 18 dicembre 2023 dal Comune di Sant’Angelo Romano (CLICCA E LEGGI L’ARTICOLO DI TIBURNO).

E’ quanto emerge dalla determina numero 12 – CLICCA E LEGGI LA DETERMINA– firmata mercoledì 7 febbraio dal Responsabile dell’Area Amministrativa e Personale Antonello Massa.

PROVE D’ESAME E RELATIVO PROGRAMMA

Per accedere al posto in concorso i candidati devono sostenere due prove: la prima a contenuto teorico-pratico, ed una prova orale in base al programma sotto riportato.

PRIMA PROVA: PROVA SCRITTA

La prova a contenuto scritto sarà strutturata tenendo conto delle mansioni inerenti il profilo professionale di cui trattasi e consisterà nella soluzione di una serie di test bilanciati a risposta multipla attinenti, in particolare, le conoscenze in materia di codice della strada, di antinfortunistica e sicurezza sul lavoro, di manutenzione degli automezzi e delle attrezzature di lavoro, di esecuzione di piccoli interventi su beni comunali;

SECONDA PROVA: PROVA ORALE

La prova consisterà in una serie di domande vertenti sui seguenti argomenti:

– Codice della strada con particolare riferimento alla segnaletica stradale e alla gestione dei cantieri stradali (con particolare riferimento agli schemi di segnalazione previsti nel Decreto del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti del 10 Luglio 2002 e successivo D.I. del 22/1/2019);

– Nozioni generali sulla sicurezza del lavoro (D. Lgs. N.81/2008)

LEGGI ANCHE  MENTANA - Forno crematorio vicino alle case, i cittadini scendono di nuovo in piazza

-Nozioni di diritto civile ed amministrativo;

-Nozioni Ordinamento Istituzionale degli enti locali, finanziario e contabile degli Enti Locali con particolare riferimento al T.U.E.L. 267/2000 ;

-Nozioni delle norme in materia di procedimento amministrativo, anticorruzione e trasparenza (L. 241/1990, L. 190/2012, D. Lgs. 33/2013);

LEGGI ANCHE  CASTEL MADAMA – Demolizione della scuola, via ai lavori da 6 milioni e mezzo di euro

-Codice di comportamento dei dipendenti pubblici (DPR 62/2013)

– Accertamento della conoscenza della lingua inglese e all’accertamento della conoscenza e dell’uso delle apparecchiature e delle applicazioni informatiche più diffuse

RIPARTIZIONE DEL PUNTEGGIO

Prima prova: prova scritta punteggio massimo 30/30

Seconda prova: prova orale punteggio massimo30/30

Per l’ammissione alla prova orale i candidati dovranno conseguire un punteggio minimo di 21/30 nella prova scritta. Lo stesso punteggio dovrà essere conseguito nella prova orale per poter accedere alla graduatoria finale.

Il punteggio finale delle prove concorsuali è dato dalla media dei voti conseguiti nella prova scritta più il voto conseguito nella prova orale.

LEGGI ANCHE  GUIDONIA – Rapine alle Poste, smantellata la “Banda dei 70enni”

A parità di merito i candidati verranno collocati nella graduatoria finale secondo i titoli di preferenza e/o precedenza previsti nell’art. 5, commi 4 e 5, del citato DPR n. 487/94 e successive modificazioni.

La Commissione, in sede di insediamento, avrà il compito di decidere i criteri e subcriteri per l’attribuzione dei punteggi per l’organizzazione dei lavori

VALUTAZIONE DEI TITOLI

La valutazione dei titoli sarà effettuata successivamente all’espletamento della prova scritta, per i soli candidati ammessi alla prova orale.

Per i titoli culturali, di servizio e per il Curriculum per la sua completezza, la commissione può riconoscere ai candidati un punteggio massimo complessivo pari a 10 come di seguito specificato:

-Titoli culturali max 3 punti

-Titoli di servizio max 6 punti

-Curriculum max 1 punto

Per i titoli culturali è riconosciuto:

punti 1 per il possesso di titolo di studio superiore a quello richiesto dal bando (Diploma di scuola secondaria superiore);

punti 2 per il possesso di titolo di studio superiore a quello richiesto dal bando (Diploma di Laurea);

per i titoli di servizio verrà riconosciuto il seguente punteggio:

punti 1 per ogni sei mesi di servizio presso Pubbliche Amministrazioni nelle mansioni proprie del profilo messo a concorso;

per il curriculum: la commissione attribuirà in via discrezionale il punteggio assegnabile avendo a riferimento attività e titoli non riferite alle categorie precedenti.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.