FONTE NUOVA – Strappano la serranda e fanno razzia, è tornata la “Banda del fondo cassa”

Stanotte nel mirino è finita la pizzeria tavola calda "Vitamina P" a Tor Lupara

Tornano le scorribande notturne della “banda del fondo cassa”, il gruppo di balordi che nel 2022 mise a segno di decine di furti ai danni delle attività commerciali di Guidonia Montecelio.

All’alba di oggi, mercoledì 28 febbraio, nel mirino è finita “Vitamina P”, la pizzeria tavola calda aperta da appena un anno al civico 18 di via Valle dei Corsi, a Tor Lupara di Fonte Nuova.

Secondo le prime informazioni raccolte dal quotidiano on line della Città del Nordest Tiburno.Tv, i balordi hanno portato via circa 300 euro custoditi nel fondo cassa, senza contare i danni strutturali all’attività.

La tecnica utilizzata è sempre la stessa: un cric per sollevare la saracinesca lo spazio sufficiente al passaggio di una persona molto esile, forse anche un bambino.

LEGGI ANCHE  GUIDONIA - S’indebita per pagare gli alimenti alla ex, condannati gli strozzini

Come accertato anche dai carabinieri di Mentana intervenuti sul posto, alla pizzeria “Vitamina P” i ladri hanno dovuto “lavorare” il doppio.

Tant’è che hanno prima tentato di forzare la saracinesca di destra, ma hanno trovato la sorpresa perché le porte del locale si aprono verso l’esterno.

E successivamente hanno attaccato e scardinato la serranda di sinistra, trovando una più facile via d’accesso.

Un lavoro certosino senza svegliare i residenti, confidando nel fatto che via Valle dei Corsi affaccia da un lato sulla Riserva della Marcigliana e che si tratta di una strada trafficata soltanto di giorno da chi si reca presso il Centro Diagnostico Linea Medica e nella clinica Nomentana Hospital.

“Avevamo chiuso il locale ieri sera alle 21 e alle 7 di stamattina un residente ci ha avvertiti del furto”, commenta amareggiato il titolare di “Vitamina P” ancora in attesa del fabbro per sbloccare le serrande rimaste incastrate.

LEGGI ANCHE  David di Donatello, 19 candidature per "C'è ancora domani"

“Per due spicci nella cassa ci hanno arrecato un danno enorme – continua il commerciante – Dobbiamo riparare le serrande e in più oggi perdiamo la giornata di lavoro. Ripartiremo più tosti di prima”.

 

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.