GUIDONIA - “Il Tempo è Salute”, sit-in dei pensionati contro le liste d’attesa nella Sanità

Il Sindacato Spi Cgil ha incontrato il sindaco Mauro Lombardo

“Il Tempo è Salute”.

Il presidio organizzato ieri mattina in piazza Giacomo Matteotti davanti al Comune di Guidonia Montecelio

E’ lo slogan del presidio tenutosi ieri mattina, martedì 27 febbraio, in piazza Matteotti a Guidonia e organizzato dallo Spi (Sindacato Pensionati Italiani) Cgil e dalla Funzione Pubblica Cgil di Rieti Roma Est e Valle dell’Aniene.

Il sit-in, promosso contemporaneamente a Rieti con il Prefetto e a Tivoli con la Direzione della ASL RM5, rientra nelle manifestazioni finalizzate a sottolineare a tutti i rappresentanti delle istituzioni “la gravità oramai insostenibile della condizione della Sanità pubblica e la altrettanto inaccettabile situazione delle liste di attesa che costringe spesso i cittadini a non curarsi o a rivolgersi a caro prezzo alla sanità privata”.

L’incontro di Spi Cgil e Funzione Pubblica Cgil col sindaco di Guidonia Montecelio Mauro Lombardo

Ieri mattina i partecipanti al presidio hanno incontrato il sindaco di Guidonia Montecelio Mauro Lombardo.

LEGGI ANCHE  TIVOLI - Violenza di genere, sottoscritto il Protocollo di aggiornamento per le vittime

“Ai rappresentanti delle istituzioni, in particolare alla ASL – spiegano in un comunicato stampa Spi Cgil e Funzione Pubblica Cgil – è stato chiesto ovviamente di intervenire a risolvere i problemi nell’ambito delle loro competenze. Ma è stato loro chiesto, non solo in quanto rappresentanti delle istituzioni ma anche come responsabili della sicurezza e della salute dei cittadini di farsi portavoce dell’estremo malessere e del profondo disagio dei cittadini, in particolare degli anziani, presso le istituzioni regionali e nazionali.

Sono state infine presentate loro le proposte concrete delle organizzazioni sindacali della Cgil per affrontare i gravi problemi della sanità”.

“Da parte dei rappresentanti delle istituzioni – prosegue il comunicato di Spi e Funzione Pubblica Cgil – è stata espressa consapevolezza della situazione sanitaria ed è stato, altresi, assunto l’impegno di affrontare i problemi per quanto di loro competenza e di rappresentare alle istituzioni regionali e nazionali quanto espresso dalle organizzazioni sindacali”.

Spi Cgil di Roma e del Lazio è impegnato a far conoscere a tutti i cittadini l’opzione prevista dalla legge ma non resa nota dal Servizio Sanitario Regionale per evitare lunghe liste di attesa.

LEGGI ANCHE  TIVOLI - Inciampa nel tombino e si frattura, richiesti 25 mila euro di danni

Inoltre Spi promuove, con una costante azione rivolta alle istituzioni sanitarie, tutti gli interventi necessari per far attuare in tempi rapidi l’effettiva riduzione delle liste di attesa, ed è impegnato a richiedere con la partecipazione dei cittadini, a livello regionale e Asl per Asl, la riqualificazione e il potenziamento di personale, tecnologie e modalità organizzative delle strutture dell’offerta pubblica di prestazioni specialistiche ambulatoriali.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.