GUIDONIA – “Martedì e venerdì”, Fabrizio Moro incontra 2 mila studenti del “Majorana-Pisano”

Al The Space l’artista di Setteville racconta il suo film e il dramma di un padre separato

Tornerà da dove è iniziato il sogno, nello stesso posto in cui gli furono tributati i meritati onori da parte delle istituzioni della sua città.

Era il 2007 Fabrizio Mobrici (questo è il suo vero cognome) era ancora un facchino d’albergo di 31 anni nato a San Basilio e cresciuto a Setteville di Guidonia, ma per la prima volta nella storia del Festival di Sanremo un cantante con un brano sociale vinse Premio Giovani, Premio della Critica e Premio delle Radio.

Il rap “Pensa” fu un successone a tal punto che l’allora sindaco di Guidonia Montecelio Filippo Lippiello consegnò a Fabrizio Moro le chiavi della Città dell’Aria in una cerimonia tenutasi al “Planet”, come si chiamava all’epoca il multisala di Guidonia.

In quella stessa multisala -oggi “The Space”Fabrizio Moro torna giovedì 7 marzo per presentare agli studenti dell’Istituto d’Istruzione Superiore “Majorana-Pisano” “Martedì e venerdì”, il suo secondo film uscito nelle sale giovedì 22 febbraio che racconta la storia di un padre separato in difficoltà economiche e familiari.

LEGGI ANCHE  GUIDONIA - Nel nuovo Parco urbano una foresta realizzata dagli alunni

Fabrizio Moro incontrerà i duemila ragazzi e risponderà alle loro domande.

La proiezione fa parte del progetto scolastico “Educazione Civica attraverso il cinema” approvato dal Collegio dei docenti.

“Attraverso la settima arte – ha sottolineato il preside, accademico e storico del cinema Eusebio Ciccotti i docenti e gli studenti affrontano i temi storici, culturali e sociali dalle società del passato a quella contemporanea.

Negli ultimi incontri hanno trattato il tema della disabilità con Riccardo Milani e Pierfrancesco Favino (Corra da te); quello della siccità con Paolo Virzì (La siccità); quello della musica da film con Giuseppe Tornatore (Ennio); quello del primo dopoguerra nel Gargano con Abel Ferrara (Padre Pio); la vita di Dante con Pupi Avati (Dante); quello del maschilismo nel secondo dopoguerra con Paola Cortellesi (Ancora domani)”.

A sottolineare lo stretto rapporto tra scuola e famiglie il preside ricorda che “i posti disponibili fino ad esaurimento sono, come di consuetudine, a disposizione dei genitori”.

Prodotto da Francesca Verdini e sceneggiato dai registi Fabrizio Moro e Alessio de Leonardis, “Martedì e Venerdì” ha per protagonista Edoardo Pesce, affiancato da Rosa Diletta Rossi, ed è la storia di Marino, padre separato, e del suo rapporto con la figlia che vede solo due giorni a settimana, il martedì e il venerdì appunto.

LEGGI ANCHE  TIVOLI - Il cinghiale di Campolimpido verrà abbattuto

Un padre separato stretto tra le difficoltà economiche e quelle familiari, che lo spingono ad unirsi alla banda di un amico criminale.

Quanto riuscirà a mantenere segreta alla sua ex moglie la sua doppia vita?

Quanto la sua ‘nuova attività’ metterà in bilico il rapporto con sua figlia?

Nel cast ci sono anche Giorgio Caputo, Josafat Vagni, Aurora Menenti, Davide Argenti, Adamo Dionisi, Pier Giorgio Bellocchio e Mirko Frezza.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.