REGIONE LAZIO – Bonificata la discarica di Cupinoro

Il comunicato dell'assessore ai Rifiuti Fabrizio Ghera

L’assessorato ai rifiuti della Regione Lazio ha concluso i lavori di bonifica e messa in sicurezza della discarica di  Cupinoro, sito posto sul lago di Bracciano.

Lo rende noto in un comunicato stampa la Regione Lazio.

Secondo la nota, la chiusura – arrivata dieci anni fa a causa del fallimento nel 2014  di  “Bracciano Ambiente” che la gestiva – aveva reso necessario l’intervento, con i lavori iniziati nel 2021 e portati avanti con una posizione di primo piano nell’agenda dell’assessore alla Mobilità, ai Trasporti, alla Tutela del Territorio e al Ciclo dei Rifiuti, al Demanio e al Patrimonio della Regione Lazio, Fabrizio Ghera.

Importanti le opere realizzate nel corso dell’intervento: da quelle per la protezione delle matrici ambientali dell’acqua, del suolo e dell’aria, fino al rimodellamento morfologico della zona interessata dalla stessa discarica.

LEGGI ANCHE  GUIDONIA - Silvia Ballico, un angelo custode vestito da veterinario

“Era un’opera che tutti i residenti della zona del lago di Bracciano e del litorale nord romano attendevano da molto tempo – le parole dell’assessore Fabrizio Ghera – Dopo il fallimento nel 2014 della “Bracciano Ambiente” la Regione ha avviato tutte le procedure per garantire la sicurezza del sito e concluso i lavori”.

L’assessore poi conclude: “Sulla gestione post mortem del sito dopo la bonifica c’è un’interlocuzione in corso tra Comune e Regione, con un incontro avvenuto nella giornata di ieri 18 aprile”.

Gli interventi, eseguiti da R.T.I. HTR Bonifiche S.r.l. – Pavoni S.p.a., hanno seguito diverse fasi e hanno riguardato anche il rifacimento di tutto il sistema di isolamento dei rifiuti tramite sigillatura, il corretto funzionamento del sistema per il reinserimento delle acque piovane nell’area, curando al massimo l’aspetto paesaggistico per ridurre il più possibile l’impatto ambientale.

LEGGI ANCHE  GUIDONIA - Judo, gli atleti “speciali” sono Campioni Italiani

Infine, per garantire la corretta estrazione del biogas prodotto dai processi anaerobici all’interno dei rifiuti, sono stati realizzati ulteriori sei pozzi di captazione, collegati al già esistente e operante sistema di termodistruzione.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.