MARCELLINA - Scarica i rifiuti nell’area pic-nic, beccato lo “zozzone”

I Carabinieri Forestali sono risaliti al presunto responsabile frugando tra la spazzatura

Per abbandonare i rifiuti è stato scelto uno dei luoghi più sicuri della zona, le pendici del Monte Gennaro, un’area incontaminata immersa nel verde e lontana da occhi indiscreti.

Ma lo “zozzone” ha lasciato anche tracce riconducibili alla provenienza della spazzatura.

Così venerdì 26 aprile i Carabinieri Forestali di Guidonia Montecelio hanno denunciato alla Procura di Tivoli per abbandono di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi e per discarica abusiva un 73enne imprenditore italiano, titolare di una ditta specializzata nella vendita e posa di pavimenti in parquet e moquette con sede a Roma.

Il caso emerge dall’ordinanza numero 5 – CLICCA E LEGGI L’ORDINANZA - firmata giovedì 2 maggio dal sindaco di Marcellina Alessandro Lundini.

LEGGI ANCHE  PALESTRINA - Preso con 42 dosi di cocaina, condannato e liberato

Col provvedimento viene imposto al 73enne imprenditore di provvedere entro 30 giorni alla rimozione e allo smaltimento dei rifiuti abbandonati su un’area pic-nic ubicata al chilometro 2,500 lungo la strada Marcellina- Prato Favale.

L’ordinanza è stata emessa a seguito della segnalazione dei Carabinieri Forestali di Guidonia Montecelio che durante un controllo del territorio avevano trovato la discarica abusiva: frugando tra le tavole di parquet, i militari hanno rinvenuto anche un’insegna luminosa della società e documentazione cartacea riferibile alla stessa ditta.

Il sindaco di Marcellina Alessandro Lundini al titolare la bonifica e il ripristino dello stato dei luoghi. Le indagini della Procura di Tivoli dovranno accertare se ad abbandonare i rifiuti sia stato il 73enne, oppure se l’imprenditore abbia commissionato lo smaltimento ad una ditta specializzata che ha scaricato la spazzatura nell’area pic-nic per risparmiare e guadagnare di più.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.