Tivoli, il complesso dell’Annunziata futuro Museo della Città

La giunta ha approvato la delibera per il trasferimento dell'immobile statale

La Giunta comunale di Tivoli ha approvato oggi la delibera proposta dall’assessora al Patrimonio Angela Dimiccoli riguardante il “trasferimento dei beni di proprietà statale ‘complesso dell’Annunziata, futuro Museo della città’” e il relativo schema di accordo di valorizzazione. Con questo provvedimento si pone un tassello importante nel percorso lungo e articolato che condurrà all’acquisizione – da parte del Comune di Tivoli – del complesso di via della Carità, nel contesto delle politiche di sviluppo economico, culturale e del turismo tramite le quali l’amministrazione comunale vuole valorizzare il patrimonio della città, con lo scopo d’incrementare i flussi turistici tramite un progetto unitario che metta a sistema operatori pubblici e privati.

LEGGI ANCHE  Maltempo, Rischio ghiaccio sulle strade tiburtine

Con l’atto approvato oggi si è deliberato di procedere all’approvazione del programma di valorizzazione e del connesso progetto di recupero funzionale dell’immobile (ex riformatorio Niccolò Tommaseo, ora denominato “complesso dell’Annunziata, futuro Museo della città”), appartenente al ramo storico e artistico del demanio pubblico dello Stato. L’accordo verrà sottoscritto dal sindaco di Tivoli Giuseppe Proietti. Il passaggio in Giunta di questa mattina è fondamentale anche perché propedeutico e finalizzato a trasferire il complesso edilizio al Comune di Tivoli entro 180 giorni. Dato che si tratta dell’acquisizione di beni patrimoniali, il trasferimento sarà preceduto da una deliberazione del Consiglio comunale e avverrà a titolo gratuito, a fronte degli ingenti lavori di restauro che il Comune di Tivoli ha eseguito sul complesso monumentale con impegni finanziari consistenti, a partire dal 1979, anno a partire dal quale il Comune è “utilizzatore”. La richiesta per l’attribuzione a titolo non oneroso dell’ex riformatorio Niccolò Tommaseo è stata presentata dall’amministrazione tiburtina nel 2016, dando vita al percorso che si è poi tradotto nell’accordo di valorizzazione.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

7s