Roma, il nuovo Consiglio comunale

L’assetto dell’assemblea capitolina con quattro formazioni, centrosinistra, centrodestra, Azione e Cinquestelle

Cambiano radicalmente i rapporti di forza nell’aula Giulio Cesare. Il neo sindaco Roberto Gualtieri su 48 scranni del Consiglio comunale potrà contare su 29: 18 consiglieri al Pd, 5 alla Lista civica, 2 a Sinistra Civica Ecologista, 2 a Roma Futura, uno ai Demos e uno di Europa Verde.

Il partito dell’ex sindaca Virginia Raggi, invece, passa da 29 consiglieri a quattro. In soli cinque anni il ridimensionamento dei Cinque Stelle apre a quesiti su quale sarà il loro comportamento in Consiglio. Nelle precedenti due settimane Virginia Raggi aveva parlato di opposizione strenua, ieri è invece stata più possibilista.

Nove seggi al centrodestra: 6 a Fratelli d’Italia, 2 alla Lega e uno a Forza Italia. Ma forse Gualtieri potrà chiedere collaborazione ai 6 consiglieri della lista Calenda, 5 a quelle in sostegno della sin daca uscente (4 al M5s e uno alla civica). Con i forzisti che scompaiono dal consiglio comunale sostituiti da Marco Di Stefano, esponente dell’Udc.

LEGGI ANCHE  “Vincere la battaglia contro l'antiscienza”

Premiata alla prova del voto il ticket elettorale nel Pd di Maurizio Veloccia e Sabrina Alfonsi con 5.145 voti. Il primo è l’ex capo di gabinetto di Nicola Zingaretti, la seconda è l’ex presidente del Primo municipio.

Tra le affermazioni dei partiti in Consiglio Azione di Calenda col 19,81% la sua civica Azione supera Fratelli d’Italia che in percentuale prende il 17,42%. Segue il Pd al 16,38%, mentre il M5s si ferma all’11%.

 

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

7s