Gerano. Lo straordinario museo delle scatole

Le scatole esposte contenevano per la maggior parte prodotti dolciari: biscotti, cioccolato, caramelle e cacao.

Il nord est è certamente una zona ricca di storia e naturalmente non mancano “insolite risorse” come il Museo Italiano dedicato alle Scatole di Latta, inaugurato nel 2000. La straordinaria collezione (le scatole esposte sono oltre mille e vanno dalle prime, prodotte sul finire dell’800, fino agli anni’50 dello scorso secolo) appartengono alla collezione privata della Marchesa Marina Durand de la Penne. Le scatole esposte contenevano per la maggior parte prodotti dolciari: biscotti, cioccolato, caramelle e cacao. La location del museo di Gerano somiglia molto a quella di un negozio antico del Secolo Breve, accogliente e molto ordinata. Le scatole, sembrano davvero nuove e seguono un ordine cronologico approfondendo di tanto in tanto alcuni temi come Reali di Savoia, Anno Santo, Illustratori e alcune storie di ditte come Talmone, Unica, Venchi-Unica ed alcune forme come cestini o torte postali. Rammentiamo che molte fabbriche produttrici di dolciumi nel corso del XX secolo sono scomparse trasformandosi nel periodo della seconda guerra in basi operative sia per le truppe tedesche in ritirata e sia dagli Alleati, che risalivano la Penisola.

LEGGI ANCHE  L'appello di Riccardo: "Rilanciamo il mondo del food della Città del Nord-Est"

FGI

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

7s