lavoro

Lavoro: recupera l’occupazione dipendente

Ma il trend positivo si conferma per i contratti a tempo determinato. E il lavoro maschile è favorito dai numeri

Mostra un andamento positivo la dinamica del lavoro secondo la nota redatta congiuntamente dal ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, dalla Banca d’Italia e dall’Anpal, sfruttando due fonti informative complete e tempestive, ovvero le comunicazioni obbligatorie e le dichiarazioni di immediata disponibilità al lavoro. Si tratta di dati provvisori: la prima base dati è aggiornata al 31 dicembre 2021, la seconda al 30 novembre 2021.

C’è da segnalare però che, anche se alla fine dell’anno si è rafforzata la crescita delle assunzioni a tempo indeterminato, la creazione di posti di lavoro è stata sostenuta soprattutto dai contratti a tempo determinato. L’obiettivo, e per avere una evoluzione positiva per il 2022, è la capacità del sistema produttivo di preservare tali posizioni, molte delle quali sono giunte a scadenza il 31 dicembre del 2021.

LEGGI ANCHE  La dichiarazione dei redditi, online dal 23 maggio

Le analisi rafforzano I numeri degli ultimi mesi: mentre le  costruzioni continuano a crescere, nel turismo il recupero è ancora incompleto. Anche il comparto della manufatturiera rimane in rallentamento e non è ancora tornata ai livelli di crescita che aveva, in media, nei due anni prima della pandemia.

Confermati pure i divari di genere alimentati dalla pandemia (pur considerando che il lavoro femminile presentava segnali di debolezza già nel pre-Covid), poiché quella limitata ripresa del 2021 ha favorito l’occupazione maschile.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *