Addio al canone Rai con la bolletta della luce

L'Ue ha chiesto di separare le due voci perché il canone per la tv di Stato è un onere improprio non legato ai consumi di elettricità

Dal 2023 il canone Rai non sarà più nella bolletta della luce. Il governo ha accolto un ordine del giorno al decreto Energia presentato dalla deputata catanese, eletta con il M5s e ora nel gruppo Misto, Maria Laura Paxia, che chiedeva, appunto, di separare le due voci. Ora però manca il via libero del governo. Lo riporta l’agenzia Agi in un servizio di Alberto Di Majo.

Dovevamo intervenire dal luglio del 2021 – spiega Paxia – perché l’Ue ha definito il canone della tv come un onere improprio, in quanto non legato ai consumi di elettricità. Eppure Palazzo Chigi, nonostante le mie ripetute sollecitazioni, non ha mai agito concretamente. Con il Pnrr c’è stata l’occasione giusta, visto che l’Europa chiede ai Paesi membri trasparenza per l’inserimento di componenti aggiuntive sulle forniture energetiche“.

LEGGI ANCHE  Fondi Europei, 16 miliardi in arrivo per la Regione Lazio

Il percorso è ancora lungo, il governo dovrà dare seguito al via libera all’ordine del giorno, che è stato accolto con riformulazione (dunque senza dover passare dalla votazione in Aula). Non mancano le polemiche.

È una manovra elettorale – risponde su Facebook il deputato di Iv, Michele Anzaldi – La decisione è già stata presa per dar seguito a una precisa indicazione dell’Unione europea nell’ambito del Pnrr, l’Italia non può sottrarsi, il decreto Energia non c’entra nulla”.

Anzaldi conclude: “Chi oggi cavalca la questione cerca solo di strizzare l’occhio agli evasori. La conseguenza sarà che mentre oggi paghiamo meno ma paghiamo tutti, domani rischiamo di tornare ai tempi in cui pagavano solo gli onesti ma pagavano di più”.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *