TIVOLI – “Ridacci i soldi anticipati per la droga”, condannati per estorsione

Un 41enne di Cineto e un 30enne di Vicovaro minacciavano il “compagno di sballo” per 240 euro

Per giorni tormentarono il “compagno di sballo” con l’obiettivo di farsi restituire i soldi anticipati per acquistare la cocaina. Prima le offese e le minacce di morte al telefono, poi la sottrazione dell’auto e la richiesta dei quattrini: 240 euro.

Così il Tribunale di Tivoli ha condannato per estorsione aggravata a due anni e 10 mesi di reclusione e 800 euro di multa E. L., 41 anni di Cineto Romano, e a due anni e 5 mesi più 700 euro di multa D. D. S., 30enne di Vicovaro, entrambi già noti agli archivi di polizia giudiziaria.

Il Collegio presieduto da Nicola Di Grazia – a latere i giudici Emanuela Maria Francini e Teresa Antonella Garcea – ha respinto la richiesta della Procura di condanna a 8 anni e 7 mila euro di multa per E. L. e di 7 anni e 6 mila euro per D. D. S., scagionando la coppia dall’accusa di furto a seguito della remissione di querela da parte della vittima.

LEGGI ANCHE  LAVORO - Corsi per aspiranti informatici: martedì a Sacrofano l’Open day di ITS-ICT Academy

La vicenda risale al 3 luglio 2019, quando un 56enne di Cineto si presentò dai carabinieri di Vicovaro per denunciare il furto della sua utilitaria dal cortile di casa da parte di E. L. e D. D. S., due amici che era solito accompagnare in auto a Roma per l’acquisto di sostanze stupefacenti.

Il 56enne riferì ai militari che E. L. era riuscito a portar via la vettura approfittando delle chiavi inserite, così il 41enne fu arrestato. Nel frattempo i carabinieri acquisirono alcuni messaggi inviati nei giorni precedenti da parte di E. L. sul cellulare della vittima pretendendo la restituzione delle somme anticipate per acquistare mini-dosi di droga.

LEGGI ANCHE  PALOMBARA SABINA - Casa trasformata in centrale dello spaccio, presi

Fatto sta che successivamente il 56enne tornò in caserma e ritirò la denuncia di furto, ma i due uomini sono finiti a processo per estorsione aggravata, reato procedibile d’ufficio, e condannati con la concessione delle attenuanti generiche.

Le motivazioni della sentenza saranno pubblicate tra 45 giorni.

“Attendiamo di leggere le motivazioni – commenta l’avvocato Nello Crielesi di Vicovaro, difensore di D. D. S. – Ricorreremo in Corte d’Appello per dimostrare l’estraneità ai fatti da parte del mio assistito, a carico del quale nel corso del dibattimento non sono emerse prove tecniche né testimoniali”.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.