TIVOLI - Timbra e si assenta dal lavoro, medico sospeso senza stipendio per due mesi

La Asl ha già licenziato un medico e un impiegato, allontanando altri due dipendenti per 3 mesi

La Asl Roma 5 continua ad emettere le sanzioni disciplinari nei confronti dei cosiddetti “dipendenti furbetti”, che timbrano e si assentano dal posto di lavoro.

Giovedì 11 maggio l’Azienda Sanitaria Locale di Tivoli ha sospeso dal servizio per due mesi con privazione della retribuzione un medico specialista ambulatoriale del Distretto Sanitario di Subiaco, che a marzo 2015 finirono nella retata dei carabinieri con l’accusa di truffa aggravata ai danni dello Stato.

E’ quanto stabilito con la delibera 920 – CLICCA E LEGGI LA DELIBERA - firmata dal Direttore Generale della Asl Giorgio Giulio Santonocito a seguito della decisione adottata dall’Ufficio Procedimenti Disciplinari sulla base delle sentenze dell’Autorità Giudiziaria.

LEGGI ANCHE  TIVOLI – Giorno del Sacrificio, mille islamici festeggiano in Moschea

Venerdì 5 maggio la Asl di Tivoli aveva già sospeso dal servizio con privazione della retribuzione altri due dipendenti del Distretto Sanitario di Subiaco per due mesi e per tre mesi (CLICCA E LEGGI L’ARTICOLO DI TIBURNO).

Giovedì 20 aprile la Asl aveva licenziato invece un medico e un impiegato dello stesso Distretto Sanitario di Subiaco (CLICCA E LEGGI L’ARTICOLO DI TIBURNO).

Il caso dell’assenteismo a Subiaco fu portato alla ribalta della cronaca fu Tiburno, il settimanale locale della Città del Nordest in edicola dal 1990 al dicembre 2021.

Lo storico giornale raccontò di come martedì mattina 24 marzo 2015 i carabinieri della Compagnia di Subiaco, all’epoca diretta dal capitano Alessio Falzone, arrestarono in flagranza di reato quattro persone, denunciandone a piede libero altre otto.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.