FONTE NUOVA – Da Tor Lupara a Santa Lucia in bici, arriva la pista da 1,2 milioni di euro

La giunta Presutti approva il progetto definitivo per migliorare la qualità della vita

Da Tor Lupara a Santa Lucia in bicicletta.

Così l’amministrazione comunale di Fonte Nuova guidata dal sindaco Piero Presutti intende migliorare la qualità della vita dei cittadini coi fondi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR).

E’ quanto emerge dalla delibera numero 24 –CLICCA E LEGGI LA DELIBERA– votata venerdì 16 febbraio dalal giunta comunale.

Col provvedimento è stato approvato il progetto definitivo per la realizzazione di una pista ciclopedonale tra le frazioni di Tor Lupara e Santa Lucia con relativo adeguamento della viabilità esistente secondo lotto funzionale.

Il progetto, redatto dall’Ingegner Wanda Daniela Musolino de “La Sia Spa”, società affidataria dell’incarico, ammonta a un totale di un milione 288 mila 615 euro e 7 centesimi: un milione 197.228,67 derivante dal contributo concesso dai Ministeri dell’Interno, dell’Economia e delle Infrastrutture, ulteriori 91.386,40 concessi con mutuo dalla Cassa Depositi e Prestiti Spa.

LEGGI ANCHE  TIVOLI - Strade più sicure, 71 mila euro per l'incrocio pericoloso

Dalla delibera numero 24 emerge che la pista ciclopedonale tra le frazioni di Tor Lupara e Santa Lucia è uno dei 5 interventi che l’amministrazione Presutti è riuscita a farsi finanziare.

Così il 14 maggio 2021 la giunta di Fonte Nuova aveva approvato il progetto di fattibilità redatto dall’ingegner Giuseppe Pitoni.

Il 31 gennaio 2023 il Comune aveva affidato all’ingegner Filippo Vittori di Segni l’incarico di supporto al funzionario Responsabile Unico del Procedimento, mentre alla società “La Sia Spa” di Roma era stato assegnato l’incarico per la progettazione definitiva.

Il 3 febbraio 2023 erano state invece affidate al geologo Claudio Sanacori di Monterotondo le indagini geologiche, geognostiche, geofisiche.

LEGGI ANCHE  Autismo, un pomeriggio di festa e inclusività per i bambini

Sempre dalla delibera numero 24 emerge che per rispettare la tempistica stringente imposta dal PNRR l’amministrazione di Fonte Nuova è ricorsa al cosiddetto “appalto integrato” che prevede l’affidamento congiunto della redazione del progetto esecutivo e dell’affidamento dei lavori.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.