GUIDONIA – “La Tiburtina a 4 corsie si farà”, l’annuncio del consigliere regionale Marco Bertucci

Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha inserito l'opera tra i progetti da realizzare. Il cantiere è fermo da quasi 5 anni

I lavori sono fermi al palo da quasi 5 anni in seguito a scoperte archeologiche considerate di notevolissimo interesse storico artistico.

Per questo gli abitanti della provincia Nordest di Roma hanno perso la speranza di veder mai realizzato l’intervento “PRUSST Asse Tiburtino di Raddoppio per l’allargamento della via Tiburtina a 4 corsie dall’Albuccione fino al Centro Agroalimentare Romano di Setteville, nel Comune di Guidonia Montecelio.

Via Tiburtina nel tratto compreso tra Setteville e Albuccione, a Guidonia Montecelio

Un’opera pubblica determinante che la Regione Lazio intende portare a termine.

Il consigliere regionale di Fratelli d’Italia Marco Bertucci di Guidonia

Ad assicurarlo in un comunicato stampa diffuso ieri, lunedì 8 aprile, è il presidente della Commissione Bilancio del Consiglio Regionale Marco Bertucci di Guidonia, dirigente di Fratelli d’Italia.

“Arrivano buone notizie per il Nord Est Romano dal Piano Pluriennale degli Investimenti reso noto dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti – si legge nella nota – Un fatto che conferma la rinnovata attenzione e la vicinanza del governo di Giorgia Meloni ai nostri territori, che vengono costantemente messi al centro di progetti, lavori ed iniziative importanti per il miglioramento della qualità della vita dei cittadini e del livello dei servizi di cui questi usufruiscono”.

“Nello specifico – spiega il consigliere regionale di Fratelli d’Italia – sono tre gli interventi che riguardano il quadrante ad est di Roma, con riferimento alle annualità 2024-2025.

Il primo è presente nell’Area Inseribilità e Studi e Progettazioni ed è il raddoppio della Tiburtina da Albuccione fino al Car, di fatto una nuova opera che andrà a migliorare la viabilità del flusso da e per Roma.

Gli altri due sono relativi ad interventi di adeguamento e messa in sicurezza: uno è relativo al potenziamento dello svincolo della Centrale del Latte sul GRA, mentre il secondo, anche questo di potenziamento, adeguamento e messa in sicurezza, è quello sullo svincolo sul GRA in direzione Tiburtina. Entrambe queste opere sono da appaltare, secondo il piano del ministero”.

Vale la pena ricordare che a maggio 2019 le ditte Codimar Srl, Codisab Srl, Solage Srl e Dsba Srl  si erano aggiudicate l’appalto del raddoppio della Tiburtina per 8 milioni e mezzo di euro.

LEGGI ANCHE  GUIDONIA - Festa per la fondazione dell'Arma, il Luogotenente ringrazia

Tuttavia la scoperta di alcuni reperti archeologici aveva comportato l’abbandono dell’allargamento verso nord della Tiburtina e lo spostamento a sud.

La Basilica di Santa Sinforosa, complesso paleocristina in onore della Patrona di Tivoli

In sostanza, la Città Metropolitana ha deciso con la Sovrintendenza per i Beni Paesaggistici ed Archeologici di allargare la strada più sul lato sinistro in direzione Roma, avvicinandosi così alla Basilica di Santa Sinforosa, e di realizzare un parco archeologico sui due lati della Tiburtina, collegando le due aree con una pista ciclopedonale e un ponte.

A tal proposito il 28 settembre 2022 Città Metropolitana ha affidato allo studio “Via Ingegneria Srl” di Roma un incarico da 247.292 euro e 96 centesimi per la progettazione preliminare, definitiva, esecutiva, coordinamento della sicurezza in fase di progettazione della variante per realizzare appunto il “Parco archeologico lineare di Santa Sinforosa”, il complesso archeologico paleocristiano in onore della Patrona di Tivoli (CLICCA E LEGGI L’ARTICOLO DI TIBURNO).

LEGGI ANCHE  TIVOLI - Città più pulita, 5 mila euro per decespugliare Ponte della Pace e aree protette

Secondo i progettisti, la soluzione da un lato mitigherà – attraverso piante, alberi e dune vegetali – l’impatto di una viabilità a grosso traffico, dall’altra realizzerà un sito di riqualificazione ambientale ed urbanistica essenziale sia per i centri abitati delle frazioni di Case Rosse e Setteville di Guidonia.

Va evidenziato che il 22 febbraio 2020 Città Metropolitana ha pagato alle ditte appaltatrici del raddoppio della Tiburtina – Codimar Srl, Codisab Srl, Solage Srl e Dsba Srl – il 20 per cento dell’importo contrattuale pari a un 569.286 euro e 33 centesimi, più IVA 22%.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.