TIVOLI – Sei auto distrutte e 4 danneggiate, anche stavolta si esclude il dolo

Terzo incendio nel parcheggio dello Stadio: dai rilievi dei vigili del fuoco e dei carabinieri non emergono indizi per ipotizzare il piromane

Sei auto distrutte e 4 danneggiate. E’ il bilancio dell’incendio divampato stanotte nel parcheggio di Piazzale Grande Torino, nel quartiere Empolitano a Tivoli, nei pressi dello Stadio comunale Ripoli (CLICCA E LEGGI L’ARTICOLO DI TIBURNO).

Due immagini del devastante incendio di stanotte nel parcheggio di piazzale Grande Torino a Tivoli

I vigili del fuoco hanno lavorato per ore prima di riuscire a domare le fiamme e ad effettuare i rilievi al fine di individuare le cause del devastante rogo, il terzo nel giro di pochi mesi sempre nello stesso piazzale.

Stamattina i carabinieri della Compagnia di Tivoli sono tornati sul posto alla ricerca di elementi utili alle indagini

Stando ai primi riscontri, non sarebbero elementi per ipotizzare un’origine dolosa: insomma, anche stavolta le fiamme potrebbero essere divampate dal corto circuito di un veicolo per poi avvolgere le altre vetture in sosta negli stalli adiacenti.

LEGGI ANCHE  GUIDONIA - “Festa della Musica”, raduno bandistico in piazza

Tuttavia continuano le indagini da parte dei carabinieri della Compagnia di Tivoli che stamane hanno effettuato un sopralluogo in Piazzale Grande Torino alla ricerca di elementi utili a ricostruire il caso.

L’incendio divampato poco dopo la mezzanotte di ieri è il terzo negli ultimi tre mesi.

I residenti avevano assistito alla stessa scena il primo febbraio scorso, quando tre furono carbonizzate e sul posto intervennero i vigili del fuoco del distaccamento di Villa Adriana e i carabinieri della locale Compagnia (CLICCA E LEGGI L’ARTICOLO DI TIBURNO).

Stando ai primi rilievi, a scatenare la scintilla sarebbe stato sempre un corto circuito nell’impianto di un’automobile, dopodiché le fiamme avrebbero avvolto e divorato anche le altre due vetture parcheggiate vicino.
Insomma, la ricostruzione escluse l’ipotesi dolosa.

Tuttavia 8 notti più tardi – era l’alba del 9 febbraio – divampò un secondo incendio in cui altre due auto furono ridotte a carcasse carbonizzate (CLICCA E LEGGI L’ARTICOLO DI TIBURNO).

LEGGI ANCHE  TIVOLI - Giovanna Marconi, si presenta la candidata Sindaca del Partito Democratico

Ma anche in quel caso, i vigili del fuoco e i carabinieri non avrebbero rinvenuto elementi per ricondurre l’incendio ad una causa dolosa.

I residenti della zona sono esasperati e ormai al corto circuito non crede più nessuno.

 

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.