Fondi per salvare le aziende

Stanziati 8 milioni di euro per favorire i workers buyout, riscatti da parte dei lavoratori. Una iniziativa di Regione Lazio e Cfi

Regione Lazio e CFI-Cooperazione Finanza Impresa insieme a sostegno dei workers buyout. Pubblicato un bando di 8 milioni di euro per favorire il salvataggio delle aziende in crisi da parte dei dipendenti o ex-dipendenti organizzati in forma di cooperativa. Il Fondo rotativo costituito dalla Regione Lazio per il recupero delle aziende in crisi (Fondo WBO) sarà gestito da CFI-Cooperazione Finanza Impresa dopo che la Giunta regionale ha affidato a Lazio Innova il compito di individuare il gestore del fondo.

COSA PREVEDE IL BANDO

Il bando regionale prevede la concessione di finanziamenti a tasso zero, pari al 100% dei costi ammissibili con un importo minimo di 20 mila euro, per sostenere l’acquisizione o l’affitto di aziende, rami d’azienda o complessi di beni e contratti da parte di società cooperative (costituite o costituende) di lavoratori dipendenti di aziende in crisi o oggetto di delocalizzazione.

Beneficiari del finanziamento agevolato sono le società cooperative, appartenenti alla categoria produzione e lavoro, costituite per almeno 2/3 da dipendenti di un’azienda in crisi o oggetto di delocalizzazione (azienda di provenienza), che presentino un progetto industriale per il recupero dell’azienda.

LEGGI ANCHE  Consegne auto in ritardo per i microchip

CFI: OPPORTUNITA’ DI SALVAGUARDARE OCCUPAZIONE

“La collaborazione avviata con la gestione del Fondo Wbo tra la Regione Lazio e CFI, strumento finanziario che da 35 anni sostiene il recupero di aziende in crisi da parte dei lavoratori – sottolinea l’amministratore delegato di Cfi, Camillo De Berardinis – permette di realizzare importanti sinergie a livello di competenze e di risorse. Si possono integrare, ove richiesto dal piano industriale, l’intervento del Fondo Regionale con i finanziamenti della Legge Marcora, in particolare con la partecipazione al capitale di rischio della nuova cooperativa da parte di CFI. La finalità è di rafforzare patrimonialmente l’impresa e di affiancare e assistere i lavoratori nella fase di avvio e consolidamento”.
“Il Fondo Wbo Lazio – conclude De Berardinis- dà ai lavoratori l’opportunità di salvaguardare la loro occupazione e di essere nello stesso tempo imprenditori, protagonisti del proprio futuro. I workers buyout rappresentano anche una risposta alla tendenza accentuatasi negli ultimi anni: quella della precarizzazione e svalutazione del valore del lavoro, perché restituiscono centralità al lavoro nell’impresa e valorizzano competenze e professionalità”.

LEGGI ANCHE  Regione Lazio, al via la partecipazione al padiglione Italia Expo 2020

SPORTELLO E INFORMAZIONI

  • L’apertura dello sportello è prevista alle ore 9 del 20 ottobre 2021 e le domande possono essere presentate fino al primo luglio 2029. Possono presentare domanda anche i dipendenti dell’azienda di provenienza non ancora costituiti in cooperativa, in qualità di soggetti promotori. Presso la sede di CFI è attivato uno sportello informativo accessibile dal lunedì al venerdì, dalle 9.30 alle 16.

L’accesso allo sportello informativo può avvenire – previo appuntamento – con accesso fisico alla sede di CFI sia con canale informatico. fondowbolazio@cfi.it
Indirizzo PEC per invio domande di accesso al Fondo WBO: cfi@pec.it

CFI Cooperazione Finanza Impresa s.c.p.a.
Via Giovanni Amendola 5 Roma

06 4440 284 – 06 4451 766

info@cfi.it   –   sito web: http://www.cfi.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *