TIVOLI - Terza rapina a mano disarmata alla Posta, catturati gli autori

Il terzo assalto all’Ufficio di Bagni è finito con l’arresto e la denuncia di due italiani

Anche il terzo assalto era filato liscio come l’olio. Seguendo un copione collaudato in altri due casi, un bandito solitario era riuscito a farsi consegnare i soldi e a dileguarsi per le vie del quartiere.

Stavolta, però, i passanti hanno annotato modello e targa del veicolo a bordo del quale era salito quell’uomo mascherato con occhiali da sole, mascherina anti-Covid e parrucca.

Così ieri, mercoledì 25 maggio, gli agenti del Commissariato di Tivoli e del Distretto di San Basilio hanno arrestato un 57enne pluripregiudicato di Tivoli e denunciato un 54enne di Tivoli Terme per una rapina messa a segno ai danni dell’Ufficio Postale di via dei Fauni a Tivoli Terme.

Secondo le prime informazioni raccolte dal quotidiano on line della Città del Nordest Tiburno.Tv, verso le ore 10 di ieri mattina un italiano, accento romano, era entrato nella Posta come un normale cliente, dopodiché si era avvicinato alla cassa e minacciando l’impiegato con un coltello era riuscito a portar via circa mille euro.

LEGGI ANCHE  GUIDONIA - Parco dei Frutti, i bambini sono tornati a giocare

Pare che la fuga a piedi del rapinatore non sia passata inosservata a chi in quel momento stazionava o passeggiava in piazza Bartolomeo De la Queva.

Infatti il malvivente sarebbe stato notato salire a bordo di un furgone sulla via Tiburtina, un dettaglio fornito agli agenti della Squadra Volanti intervenuti nel frattempo sul posto.

Dopo aver passato al vaglio le immagini dei sistemi di video-sorveglianza delle attività commerciali di via Tiburtina, i poliziotti hanno iniziato la caccia ad un furgone che è stato successivamente rintracciato nella zona di Tor Cervara, estrema periferia Est di Roma.

A bordo c’era il sospetto rapinatore, un 57enne italiano di Tivoli, vecchia conoscenza del Commissariato di largo Salvo d’Acquisto, e un 54enne di Tivoli Terme, anche lui pregiudicato, considerato suo complice.

LEGGI ANCHE  Spaccio, violenza e degrado: sgombero alle ex Officine Romanazzi

Le indagini sono in corso e puntano ad accertare se si tratta degli stessi autori di altri due assalti fotocopia messi a segno alla Posta di Bagni nei giorni scorsi.

La prima rapina “a mano disarmata” all’Ufficio Postale di via dei Fauni a Tivoli Terme era stata consumata verso le 14,30 di lunedì 8 maggio (CLICCA E LEGGI L’ARTICOLO DI TIBURNO).

Un bandito solitario, volto travisato da occhiali da sole, mascherina anti-Covid e parrucca, italiano, minacciò l’impiegato e fuggì a piedi subito dopo essersi fatto consegnare un bottino di circa 800 euro.

Giovedì 18 maggio il rapinatore solitario tornò sul luogo del delitto verso le ore 12 e portò via circa 2 mila euro, stavolta impugnando un coltello (CLICCA E LEGGI L’ARTICOLO DI TIBURNO).

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.