Come funziona la rottamazione auto Roma Gratis

Come funziona la rottamazione auto Roma Gratis

La tua vecchia auto è stata sfruttata ed è arrivato il momento di rottamarla. Ora ti starai chiedendo se dovrai perdere tempo con pratiche burocratiche e se dovrai spendere parecchi soldi.

Cosa c’è da sapere e come funziona il servizio gratuito di rottamazione auto a Roma che non ti fa perdere tempo e soldi.

Hai pensato di dover rottamare la tua auto perché giunta alla fine o perché hai percorso troppi chilometri e quindi sicuramente avrà diversi anni ed è difficile rivenderla.

Ti starai già chiedendo: sarò sommerso dalla burocrazia per poter gestire le pratiche come nella maggior parte dei casi? Per rottamare la mia vecchia auto dovrò spendere molti soldi? In realtà le cose non stanno esattamente così, ma è bene essere informati su ciò che ti serve e sulle leggi che regolano la demolizione e lo smaltimento delle vecchie auto (se vuoi puoi approfondire gli aspetti legislativi e il decreto che regolano queste attività). A Roma il servizio di rottamazione auto e gratuito compresa gestione pratiche e ritiro a domicilio dell’auto.

Quali documenti servono per la rottamazione di un’auto? Devi essere l’intestatario del veicolo, oppure nel caso tu sia un erede del proprietario originario, o il beneficiario di un atto di vendita non ancora registrato, devi comunque avere: • Targhe • Carta di circolazione • Certificato di proprietà o foglio complementare.

Come fare per demolire l’auto gratis?

Puoi portare la tua auto presso un centro autorizzato di autodemolizioni come la ROMACAR 2020 di Massimiliano Viglia o chiamare direttamente il numero 333 5272766 per avere maggiori informazioni. Provvederanno loro stessi, entro trenta giorni dall’avvenuta demolizione, ad effettuare la cancellazione dal PRA al posto tuo e a rilasciarti il certificato di rottamazione. Il certificato di rottamazione conterrà: 1. i dati anagrafici del proprietario 2. il numero di registrazione/identificazione e la firma del titolare dell’impresa che rilascia il certificato 3. l’autorità competente che ha rilasciato l’autorizzazione all’impresa

LEGGI ANCHE  GUIDONIA - Addio Bruno Mincione, ha affrontato la disabilità col sorriso

4. Il certificato con indicata data e ora del rilascio, e quella di presa in carico di presa in carico del mezzo 5. l’impegno a rispettare e finalizzare la richiesta di cancellazione dal PRA 6. la classe, la marca, il modello, la targa e numero di telaio del veicolo

Conserva con cura il tuo certificato di rottamazione avvenuta per dieci anni perché da quel momento non sarai più soggetto al pagamento del bollo e ovviamente agli obblighi di revisione, e responsabilità (fiscale, civili, penali e amministrative). Potrai inoltre richiedere, alla tua compagnia d’assicurazione, il rimborso del canone relativo all’eventuale periodo non goduto, oppure la voltura della polizza stessa ad un nuovo automezzo. Sapevi inoltre che potresti chiedere il rimborso di parte della tassa automobilistica già versata (il cosiddetto “bollo”), se mancano più di 4 mesi alla scadenza, dal momento che hai effettuato la demolizione?

Ma quanto costa rottamare un auto senza comprarne una nuova?

Con rottamazione auto Roma presente a Roma e in tante altre città d’Italia è tutto gratis compreso ritiro a domicilio del mezzo e la gestione pratiche. Potrai risparmiare una settantina di euro circa che di solito sono quelli richiesti tra imposte di bollo ed emolumenti ACI.

LEGGI ANCHE  TIVOLI - Caro libri, arriva il mercatino dei testi scolastici usati

Perché? Le autodemolizioni autorizzate sono un modello di business che guadagna riutilizzando le parti ancora funzionanti dell’auto destinandole al mercato dei ricambi usati.

Quanto tempo ci vuole? Considerando che ritirano il tuo mezzo (anche il tuo vecchio camper o i veicoli commerciali, ad esempio), in tutta la provincia di Roma e si può prenotare telefonicamente direi che si tratta di una soluzione rapida e sufficientemente comoda.

Consigli utili.

Fai attenzione se sull’auto grava un fermo amministrativo (anche nel caso in cui ti fossi dimenticato di pagare il bollo), potresti dover effettuare una visura (puoi farlo anche on line sul sito dell’ACI) e così potrai annullare il vincolo pagando il debito. Se hai smarrito le targhe o i documenti devi consegnare anche la denuncia di smarrimento o furto. Se il proprietario dell’auto invece è deceduto, puoi comunque effettuare la rottamazione ma bisogna esibire una autocertificazione sostitutiva dell’atto di notorietà (anche in questo caso puoi scaricare il modulo sul sito dell’ACI), il certificato di morte e la copia dei documenti d’identità degli eredi, che andranno consegnati al demolitore. Inoltre farai la tua parte per salvaguardare l’ambiente poiché, i rifiuti speciali e pericolosi verranno separati e inviati a smaltimento presso discariche autorizzate. Il resto sarà riciclato (plastica, vetri, acciaio) o frantumato: diventerà il cosiddetto “car fluff”, ovvero l’insieme di plastica e tappezzeria che si vorrebbe valorizzare per la produzione di combustibile solido secondario.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.