Facciamo chiarezza: le tre zone d’Italia e le restrizioni previste

Con l’ultimo Dpcm l’Italia è stata suddivisa in tre fasce di rischio e a ognuna di queste è stato assegnato un colore.

Le restrizioni relative alle tre aree saranno in vigore a partire da oggi, 6 novembre.

 

ZONA GIALLA

La zona gialla per le regioni dove il rischio è presente, ma è considerato “più basso”. Le Regioni che ne rientrano a far parte sono: Abruzzo, Basilicata, Campania, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Marche, MoliseSardegna, Toscana, Umbria, Veneto e le province autonome di Trento e Bolzano, .

  • Cosa è consentito nella zona gialla? Qui vale il coprifuoco dalle ore 22 alle 5 di mattina, salvo gli spostamenti per motivi di salute, lavoro e necessità. La didattica a distanza è prevista per le scuole superiori (fatte le eccezioni relative agli studenti con disabilità e in caso di uso di laboratori), la didattica in presenza è prevista per scuole dell’infanzia, scuole elementari e medie. Riduzione fino al 50% per il trasporto pubblico (fatta eccezione per i mezzi di trasporto scolastici). I bar e i ristoranti dovranno chiudere alle ore 18 (ma per la consegna a domicilio non sono previste restrizioni). Sono chiusi i centri commerciali nei festivi e prefestivi, fatta eccezione per le farmacie. parafarmacie, punti vendita di generi alimentari, edicole e tabaccherie al loro interno. Chiusi cinema, teatri, palestre, piscine, musei e mostre, aperti i centri sportivi. Sospese le attività di sale giochi, bingo, slot machine e sale scommesse (anche se collocati in bar e tabaccherie).
LEGGI ANCHE  TIVOLI - "Operai a lavoro con 42 gradi sulla Tiburtina", la denuncia del candidato sindaco

ZONA ARANCIONE

All’interno della zona arancione sono presenti le regioni in cui con rischio elevato che, al momento, sono Sicilia e Puglia.

  • Cosa è consentito nella zona arancione? All’interno di queste zone è sempre valido il coprifuoco dalle 22 alle 5  (con le suddette eccezioni) a cui si aggiungono altre restrizioni: è previsto anche il divieto di spostamenti in entrata e in uscita dalla Regione e dal comune, se non per motivi di lavoro, necessità e salute. Chiudono bar e ristoranti, ma non vi sono restrizioni per la consegna a domicilio. Per quanto riguarda la situazione scolastica è prevista la didattica a distanza alle superiori, mentre per le scuole dell’infanzia, elementari e medie, le lezioni avverranno in presenza. Chiudono i centri commerciali nei giorni festivi e prefestivi, fatte eccezione delle farmacie, parafarmacie, tabaccherie, edicole e negozi di generi alimentari ivi collocati. Sospese le attività di sale giochi, sale scommesse, bingo e slot machine. Anche in questa zona restano chiusi i musei, le mostre, piscine, palestre, teatri e cinema. Aperti i centri sportivi. Ridotto fino al 50% il trasporto pubblico (fatta eccezione dei mezzi di trasporto scolastico)

 

ZONA ROSSA

La zona rossa è relativa alle Regioni “più critiche” e che presentano un rischio più elevato. Questa si estende per le Regioni: Lombardia, Piemonte, Calabria e Valle d’Aosta.

  • Cosa è consentito nella zona rossa? All’interno di questa zona sono vietati gli spostamenti al di fuori del proprio comune e verso altre Regioni a prescindere dall’orario. Sono validi gli spostamenti solo se per motivi di salute, necessità e lavoro. Chiusi bar e ristoranti, ma è consentito l’asporto fino alle ore 22: la consegna a domicilio non prevede alcuna restrizioni. Fra le altre chiusure, sono previste quelle relative ai negozi, fatta eccezione per supermercati, farmacie, parafarmacie, edicole, lavanderie, parrucchieri e barbieri (no ai centri estetici). La didattica a distanza è prevista per la scuola secondaria di secondo grado e per le classi di seconda e terza media: le lezioni in presenza resteranno valide per le scuole dell’infanzia, le elementari e la prima media. Chiusi musei, mostre, teatri, cinema, attività di sale giochi, sale scommesse (anche nei bar e nelle tabaccherie) e palestre. Fermi i centri sportivi, ma valida l’attività sportiva all’aperto e in forma individuale. Sono sospese le competizioni sportive tranne quelle riconosciute di interesse nazionale dal CONI e CIP. Come per tutto il resto d’Italia vale la riduzione al 50% della capienza dei mezzi pubblici e la sospensione di sale giochi e sale scommesse.
LEGGI ANCHE  MARCELLINA - Schianto tra due moto sulla Tiburtina, muore 37enne

 

 

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.