scuola

Bandi per 5 miliardi per la scuola

Tre miliardi saranno investiti negli asili nido; riforma per istituti tecnici e professionali

Bandi per 5 anni sulla scuola entro novembre nell’ambito del Pnrr, piano nazionale di ripresa e resilienza. Li ha annunciati il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi. Tre miliardi saranno investiti sugli asili nido, soprattutto, e la scuola d’infanzia, 400 milioni andranno a finanziare nuove mense, 300 milioni saranno utilizzate per le palestre, 800 milioni serviranno a costruire scuole nuove e con 500 milioni si metteranno in sicurezza quelle esistenti.
“Partire da scuola, università e ricerca”, ha dichiarato il ministro, “è un segno che abbiamo messo il sapere al centro della nostra trasformazione. Le nostre tre riforme riguarderanno: istituti tecnici e professionali, Istituti tecnici superiori, provvedimento già alla Camera, e ancora l’orientamento. Quindi, stiamo costruendo nuove norme sul reclutamento e lavorando sul dimensionamento degli istituti e la numerosità delle classi”. Per gli ambienti della nuova didattica, che dovrà essere più partecipata e laboratoriale, ci sono 13 miliardi. Sui contenuti della nuova didattica 5,4.
“Sugli asili nido abbiamo più ritardo rispetto all’Europa”, ha detto Bianchi, “siamo al 27 % della soddisfazione delle richieste. Le mense scolastiche e le palestre sono necessarie per allargare il tempo pieno nel Paese. Tutte le scuole saranno digitalizzate, 4.0. E poi dobbiamo partire con lo studio delle nuove scienze, la Matematica deve diventare capacità di astrarre e sperimentare”.

Condividi l'articolo:
LEGGI ANCHE  Il magistrato scrittore “racconta” il caso Orlandi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

7s