Marcellina – Nonna Dina compie cento anni

Il segreto di lunga vita di Bernardina Meucci? Caffè, tanto lavoro e a messa tutti i giorni

Nuova centenaria a Marcellina. Bernardina Meucci ha compiuto un secolo il primo gennaio. E’ stata festeggiata a casa con una rimpatriata, presenti la sorella Felicetta e i nipoti. Lei – per tutti Dina – si è commossa. Il segreto della sua lunga vita? “Non sono mai stata ferma”, dice. Aveva 11 anni quando ha perso la madre. Da bambina allora si è ritrovata a crescere le quattro sorelle più piccole, l’ultima di tre anni. La guerra invece le ha strappato il padre, fucilato in una rappresaglia dei tedeschi. Ha avuto due figli, quattro nipoti e quattro pronipoti. Le sue giornate sono sempre state scandite dal lavoro e dalla preghiera. “Finché ha potuto è andata a messa tutti i giorni, la prima messa del mattino”, racconta la nipote Dina De Paola, “Da giovane ha lavorato anche alla Pirelli, ci andava a piedi”. Che Bernardina avesse tempra si è capito già dalla nascita: venuta alla luce al settimo mese di gravidanza è stata  accudita per settimane in una scatola di cartone rivestita di ovatta. E giorno dopo giorno, in assenza di incubatrici e pediatri, ha acquisito peso e forze meravigliando tutti.

LEGGI ANCHE  Lavori di pubblica utilità in alternativa alla pena: ecco l'opportunità offerta a Castel Madama


L’alimentazione sempre sana con prodotti genuini, ma non rigida. Fino a poco tempo fa beveva mattina e sera una grossa tazza di caffè e talvolta anche un sorso di cognac. “Fa bene alla salute”, diceva. Da ottima cuoca impastava il pane, che veniva cotto nel forno dietro casa, e, per le feste di famiglia, anche cinquanta uova di fettuccine. Da tempo ricorda sempre più spesso la sua infanzia e di tanto in tanto chiama il nonno, Felice, nato nell’Ottocento del secolo scorso.
“E’ una donna energica”, racconta ancora la nipote, “A 93 anni ha fatto la traversata per partecipare al mio matrimonio che abbiamo celebrato in Sardegna. Lavorava la terra. Da piccola, in campagna, mi trasportava per gioco con una carriola. Era uno spasso”. L’elisir di lunga vita…L’affetto del figlio Antonio De Paola, della nuora Claudia Gubinelli e del nipote Giuseppe e della nipote Bernardina con lei nella foto in primo piano insieme al marito. Giuseppe la sollecita a farla parlare: “Nonna, ma ti rendi conto…Cento anni”. “Lo auguro pure a voi“, risponde lei.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *