Valle del Tevere, attivati 45 tirocini di inclusione lavorativa

Indennità di partecipazione, 300 euro

l Consorzio Valle del Tevere – che abbraccia 18 Comuni da Fiano Romano Capena  a Formello – ha pubblicato l’avviso pubblico per l’attivazione di almeno 45 tirocini di inclusione sociale e lavorativa da svolgersi presso Enti ospitanti, in particolare presso i Comuni del Distretto e le aziende private del territorio.

Chi può partecipare?
Possono partecipare gli interessati, residenti in uno dei Comuni del Consorzio, che siano beneficiari del Reddito di cittadinanza, in condizione di disoccupazione alla data di attivazione del Tirocinio di inclusione e in carico al Servizio Sociale Professionale per l’attivazione di un Patto di inclusione sociale.
Nel caso di domande da parte di più componenti del medesimo nucleo familiare, sarà ammesso al beneficio il soggetto ritenuto più idoneo.

Tempi e modalità per presentare la domanda
Sarà sempre possibile inviare la domanda di partecipazione,l‘avviso pubblico Tirocini di Inclusione Sociale, non prevede termini di scadenza. La domanda dovrà essere presentata, utilizzando esclusivamente il Modello di Domanda, presso il Segretariato Sociale del Comune di residenza, secondo gli orari di apertura al pubblico dello stesso. Alla presentazione della domanda, da dove si evincerà giorno e ora della consegna, seguirà il rilascio di una ricevuta. L’ordine di presentazione della domanda determininerà la priorità di ammissione al beneficio, posto il superamento del colloquio motivazionale.
La domanda dovrà essere sottoscritta dal richiedente o da un genitore nel caso di candidato di minore età. In caso di richiedenti di minore età, è improrogabile aver compiuto 16 anni e aver assolto l’obbligo scolastico.

LEGGI ANCHE  MENTANA - Sonia Reppucci resta ricoverata per tre mesi: "Ringrazio uno a uno i miei eroi"

L’ordine di ammissione terrà conto del rapporto tra i beneficiari di reddito di cittadinanza residenti in ogni comune del Consorzio Valle del Tevere e il numero di posti disponibile per l’attivazione dei tirocini di inclusione sociale e lavorativa:

In caso di successive rinunce, si procederà con lo scorrimento dell’elenco dei richiedenti.

Il tirocinio
In favore dei Beneficiari verrà attivato un Tirocinio di inclusione sociale e lavorativa, Formazione e inserimento/reinserimento finalizzato all’inclusione sociale, all’autonomia delle persone e alla riabilitazione. Ciascun tirocinio avrà durata pari a 6 mesi, con una frequenza settimanale pari a 25 ore, e la corresponsione di un’indennità di partecipazione pari a 300 euro mensili. L’abbinamento tra Tirocinante e l’Ente Ospitante sarà definito a seguito di colloquio motivazionale finalizzato alla verifica dell’idoneità all’attivazione del progetto, dal servizio competente distrettuale per l’attivazione dei tirocini, in collaborazione con il servizio sociale e professionale.

LEGGI ANCHE  MENTANA - Accoltella al petto il convivente e poi chiama il 112

L’indennità di frequenza, compatibile con la fruizione del Reddito di Cittadinanza, verrà corrisposta solo in caso di frequenza di almeno il 70 % delle ore previste su base mensile.
L’indennità verrà erogata sul conto bancario o postale o su carta ricaricabile e per questo sulla domanda di partecipazione dovrà essere indicato necessariamente l’IBAN.

Per informazioni è possibile scrivere a tirocini@consorziovalledeltevere.it

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.